Posts Tagged 'ricoscruzione'

riqualificazione scuola “E. De Amicis”

Redazione proposta migliorativa a livello definitivo, progettazione definitiva, progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori.

di GNOSIS ARCHITETTURA, su http://europaconcorsi.com, 16 mag 

L_aquila_scuola_de_amicis_large

L’importanza dell’edificio nel quale ci troviamo ad operare non è solo ascrivibile agli oltre cinque secoli di storia dello stesso ma, soprattutto, per l’importanza che la fabbrica ha rappresentato per gli abitanti dell’Aquila. Fondato per volontà postuma di San Bernardino da Siena intorno al 1445–1447, fu edificato con il contributo di tutta la città che vedeva nella costruzione dell’ospedale un simbolo della capacità degli aquilani di pensare a se stessi come comunità. Mantenne così la funzione di nosocomio sino al 1909 diventando in quell’anno scuola elementare, ovvero altro importante simbolo e elemento di riconoscimento di una collettività che tra quelle mura ha trascorso gli anni migliori dell’infanzia. Così sino all’aprile del 2009 quando l’ennesimo terremoto ne ha minato la struttura senza, per fortuna cancellarne, le tracce. Perché sulle mura di un edificio, nelle pieghe degli intonaci, si sedimentano le vite, le storie di ci ha vissuto ed il restauro è, prima di tutto, un attento lavoro di ascolto, un paziente esercizio di ermeneutica delle pietre che deve mirare a tramandare quelle tracce, quelle forme, quelle pietre, quegli intonaci su cui è scritta la muta storia delle generazioni passate.

L_aquila_scuola_de_amicis__1__large© Gnosis Architettura 

In questa relazione, oltre ad indicare lo specifico approccio teoretico-metodologico con il quale il nostro gruppo intende partecipare alla gara, ci è sembrato opportuno dare immediato riferimento alle richieste del disciplinare di gara. Tuttavia ci pare doveroso premettere gli intenti del progetto di restauro proposto, che richiamano con forza due concetti essenziali:

L_aquila_scuola_de_amicis__2__large© Gnosis Architettura 

– quello di garantire la sopravvivenza fisica ed il buon stato di conservazione del complesso monumentale come documento materiale collettivo d’eccezione, attraverso il consolidamento delle strutture compromesse

L_aquila_scuola_de_amicis__3__large© Gnosis Architettura 

– quello del suo pieno recupero funzionale e sociale, che restituisca alla collettività quanto gli eventi traumatici e catastrofici hanno sottratto, rendendo nuovamente fruibile e, se possibile, in condizioni di comfort migliore.

L_aquila_scuola_de_amicis__4__large© Gnosis Architettura 

 Crediamo che fondamentale compito del progetto di restauro sia quello di non perdere la ricchezza documentaria ed emotiva del manufatto oggetto di intervento e di valorizzarne ed esaltarne a pieno il valore culturale. Una premessa decisiva all’attuazione di questo obiettivo è costituita dall’invito a riservare “ la medesima cura tanto alle preesistenze più nobili e grandiose, quanto a quelle minori e più povere, tutte ugualmente riconoscibili come ‘monumenti’ e ‘beni culturali’ a pieno titolo in quanto ‘testimonianze materiali aventi valore di civiltà’”, ribadita nelle carte del restauro, alla base della disciplina conservativa.

L_aquila_scuola_de_amicis__5__large© Gnosis Architettura 

In questa prospettiva l’assunto principale di riferimento su cui impostare le fasi metodologiche e progettuali ci sembra quello del rispetto del palinsesto in tutte le sue sfaccettature diacroniche e in tutti i suoi segni connotanti.

L_aquila_scuola_de_amicis__6__large© Gnosis Architettura 

Per quanto riguarda il complesso monumentale in oggetto in linea di principio si cercherà di ridare integrità formale e materiale alle strutture dell’immobile consentendo una lettura “stratigrafica” dell’intervento e della storia dell’immobile.

L_aquila_scuola_de_amicis__7__large© Gnosis Architettura 

Il progetto di conservazione (di trattamento dei materiali e di consolidamento delle strutture) sarà mirato a contrastare (se non ad arrestare) i fenomeni di degrado in atto e a combatterne le cause in modo da garantire la trasmissione dell’intero manufatto all’uso e alla fruizione attuale e futura.

L_aquila_scuola_de_amicis__8__large© Gnosis Architettura 

La documentazione dello stato di conservazione e degli interventi di restauro comprenderà la mappatura grafica e la redazione di un dossier fotografico, da articolarsi nelle fasi prima, durante e dopo il restauro.

L_aquila_scuola_de_amicis__9__large© Gnosis Architettura

In linea con le attuali tendenze del restauro critico, si ritiene però che il progetto il restauro della fabbrica debba essere concepito come un momento di evoluzione dell’edificio, attraverso un contributo contemporaneo capace di dialogare con la sua storia e le sue molteplici stratificazioni.

L_aquila_scuola_de_amicis__10__large© Gnosis Architettura

La salvaguardia dell’organismo da restaurare è altrettanto importante quanto la qualità dell’intervento contemporaneo e delle sue compatibilità con il contesto. A nostro parere è possibile conservare gli edifici antichi adattandoli alle nostre abitudini, rendendoli utilizzabili, sicure e contemporaneamente mantenendone il valore documentario.

Un progetto architettonico di qualità che come nuova scrittura si inserisce, senza violenza né cancellazioni, come tra le righe, nei punti più deboli e “vuoti”, del palinsesto, ne accresce –per così dire- il valore testimoniale ed emotivo complessivo, portando sul luogo un potenziale plus-valore che, dopo l’ultimo evento traumatico del sisma, parli della nostra generazione e del nostro rapporto con la prestigiosa preesistenza.

Un buon progetto di restauro è infatti il risultato della combinazione di due competenze disciplinari tra loro complementari: la competenza nel settore della conoscenza e della conservazione dei materiali e degli spazi antichi e quella nel settore della progettazione dell’ architettura. Per questo tipo di attività è richiesta una attitudine composita, capace di utilizzare e coordinare una vasta serie di competenze specialistiche, attitudine che il raggruppamento ritiene di raggiungere attraverso la partecipazione delle diverse competenze di cui si compone.

Da oltre un decennio l’introduzione del concetto di “offerta economicamente più vantaggiosa” modifica radicalmente i meccanismi dell’appalto pubblico. L’amministrazione non pone più a base di gara un progetto chiedendo alle imprese di proporre solo un ribasso sul prezzo ma affida l’opera valutando il concorrente anche in ragione delle “migliorie” che ritiene di proporre al progetto (appalto integrato). In questo caso è stato posto a base di gara un ottimo progetto preliminare ed è stato chiesto al raggruppamento di proporre delle “migliorie a livello di progetto definitivo”. Questa soluzione è ancora poco sperimentata (normalmente si lavora su di un progetto definitivo da “migliorare” per poi fare in caso di aggiudicazione il progetto esecutivo) ma dovrebbe consentire di dialogare con l’amministrazione al fine di proporre ad aggiudicazione avvenuta un progetto condiviso che possa rientrare nei principi di conservazione di cui sopra. In quest’ottica le “migliorie” sono state ampiamente dettagliate, nei limiti degli elaborati presentabili, al fine di consentire all’amministrazione di farsi un’idea precisa del gruppo di progettisti e dell’impresa con cui in caso di aggiudicazione avrà a che fare. Di seguito vengono descritte in dettaglio dette migliorie. Il dato comune delle stesse è ascrivibile a tre fattori: In prima istanza il rispetto del manufatto e della storia che esso rappresenta, in secondo luogo l’esigenza di rendere il fabbricato strutturalmente sicuro e in terza istanza proporre una serie di soluzioni architettoniche ed impiantistiche flessibili capaci di adattarsi alla funzione scolastica prevista o ad altre future funzioni pubbliche.

Annunci

foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 156,565 hits