Posts Tagged 'progetto c.a.s.e.'

vivere in un MAP

un questionario dal Politecnico di Milano

da http://www.laquilablog.it, 13 feb.

«Uno studio del Politecnico di Milano per individuare criticità e migliorare i Map nelle prossime emergenze per una futura riprogettazione». Questo l’obiettivo del questionario che una studentessa del Politecnico di Milano, Erika Bertolini, ha deciso di somministrare via web ai cittadini domiciliati nei Map (ma non nel Progetto Case): una nuova progettazione di moduli abitativi per l’emergenza, una sorta di nuovi “Map”, partendo proprio dall’esempio del terremoto de L’Aquila. Una bella iniziativa segnalata dal Gruppo Volontari Lucoli.

Le domande (un questionario a persona) vertono solo sui Map, sui tempi di consegna, le reazioni, il comfort abitativo e come sono strutturati internamente, per trovare, ove possibile, una soluzione migliore.

in caso di neve… fotovoltaico

” Impianti fotovoltaici nel progetto C.A.S.E.

E’ stata presentato oggi (11 nov 2010) con una conferenza stampa online il progetto di solarizzazione del Comune colpito dal terremoto nell’aprile del 2009. La potenza installata è 4,7 MW per una produzione annuale di circa 5,5 milioni di kWh, pari al fabbisogno energetico di 2.200 famiglie. Nel progetto coinvolte Enerpoint., Sharp Electronics Italia, Power One Italy e Troiani e Ciarrocchi.

Si è tenuta oggi a l’Aquila (11 novembre 2010), alla presenza dell’assessore Politiche e Servizi per la tutela e valorizzazione dell’ambiente Alfredo Morone e delle aziende appaltatrici, la Conferenza Stampa online per presentare i lavori di solarizzazione del Comune colpito dal terremoto nell’aprile del 2009.

Sono 148 gli edifici costruiti all’interno del progetto C.A.S.E. con impianti fotovoltaici già attivi, che garantiranno al Comune un’entrata annuale (per i prossimi 20 anni) di circa 180.000 €. Allo scadere del periodo, il Comune diventerà proprietario del 100% degli impianti fotovoltaici.

Gli impianti hanno una potenza installata di 4,7 MW e produrranno circa 5,5 milioni di kWh all’anno di energia pulita, pari al fabbisogno energetico di 2.200 famiglie, permettendo inoltre una riduzione annua di 3.000 tonnellate di anidride carbonica. Per portare a termine in tempi record un progetto così ambizioso, sono state coinvolte importanti aziende che operano nel settore del fotovoltaico: Enerpoint S.p.A., Sharp Electronics S.p.A Italia, Power One Italy S.p.A. e Troiani e Ciarrocchi S.r.l. 

Gli impianti sono stati progettati e costruiti da Enerpoint e Troiani e Ciarrocchi, impiegando i nuovi moduli Sharp da 235 Wp al silicio monocristallino ad alta efficienza ai quali sono stati affiancati gli inverter Power One a garanzia di un’efficienza di conversione corrente continua/alternata superiore al 97%.

Si è scelto di azzerare le emissioni di anidride carbonica della conferenza stampa, utilizzando un evoluto sistema di conferenze in diretta, offerto da Cisco, che ha permesso ai giornalisti di partecipare attivamente alla conferenza, pur restando in redazione.

I costi risparmiati si tradurranno in un pullmino per disabili donato alla città. Paolo Rocco Viscontini, Presidente e Amministratore Delegato di Enerpoint S.p.A, ha aperto i lavori della conferenza a cui hanno partecipato come relatori Alfredo Morone – Assessore Politiche e Servizi per la tutela e valorizzazione dell’ambiente di L’Aquila, Aldo Meneghelli – Amministratore Delegato Sharp Electronics S.p.A Italia, Paolo Casini – Vice presidente marketing Power One Italy SpA e Renato Ciarrocchi – Amministratore Troiani e Ciarrocchi Srl.

11 nov 2010

http://qualenergia.it

***************************************************

L’EFFETTO DELLA NEVE E DEL GHIACCIO

da http://www.consulente-energia.com

In caso di caduta di neve, perfino i pannelli solari inclinati di circa 30° rispetto all’orizzontale, come avviene alle latitudini italiane, trattengono la neve, specie se il pannello è già molto freddo o addirittura ricoperto di ghiaccio. Pertanto, i pannelli fotovoltaici devono essere liberati il prima possibile dalla neve per permetterne il regolare funzionamento, pena un calo sostanziale o totale nell’energia elettrica prodotta, oltre che per evitare eventuali danni meccanici – da parte della neve e/o del ghiaccio – ai pannelli ed alla struttura che li sorregge. Ciò è particolarmente importante alle altitudini elevate, dove la neve è presente per diversi mesi l’anno e non solo in pieno inverno e nel caso di sistemi integrati architettonicamente, più difficili da riparare. Il miglior modo per ovviare al problema della neve e del ghiaccio è la rimozione manuale con l’applicazione di prodotti chimici anti-ghiaccio, come quelli usati per i parabrezza delle auto, poiché eventuali cavi elettrici riscaldanti assorbirebbero troppa energia.

Tipo di impianto FV Massimo carico di neve
Su tetto a falda  1.400 N/m3
Su tetto piano 1.400 N/m3
A terra 1.400 N/m3
Su inseguitore monoassiale non adatto
Su inseguitore biassiale non adatto
Su pensilina 1.400 N/m3
  I valori limite consigliati del carico di neve per i vari tipi di impianto.  

tanta gente senza casa…..

…… tante c.a.s.e. senza gente

di Luciano BelliLaura, 2 feb

Nella trasmissione “L’aria che tira – Noi speriamo che ce la caviamo” del 31-01-‘12 su La7, questo dicono:

il Sindaco Cialente (dal 05’,12’’): Sì, purtroppo [la Ricostruzione n.d.r.] è assolutamente ferma al palo. Diciamo che i 40.000 sfollati della fine del 2009 sono tuttora sfollati: o in abitazioni costruite in modo temporaneo, oppure – pensi – ancora negli alberghi.

il Sindaco Cialente (dal 19’,08’’): Sì, [la Ricostruzione n.d.r.] più che andare nella direzione giusta, non va proprio, neanche sbagliando direzione. Perché non è partita la ricostruzione “pesante”, anche quella delle “case di periferia” che sono i grandi condomini di una città, in cemento armato, sui quali si poteva intervenire velocemente. Le conseguenze sono: la prima, un’insofferenza per i cittadini: ripeto, abbiamo festeggiato il terzo Natale ancora negli alberghi e nelle caserme (nella Caserma della Guardia di Finanza degli sfollati) e abbiamo ancora 12.000 persone che usufruiscono dell’assegno autonoma sistemazione, per le quali ogni giorno lo Stato investe (sic.) 100mila Euro, cento mila euro al giorno; questa è la prima conseguenza che è kafkiana; la seconda, è che i soldi per la ricostruzione ci sono, sono fermi presso la Cassa Depositi e Prestiti, in un certo senso sono nel mio cassetto: cioè oltre un miliardo e mezzo.

il Ministro Barca (dal 26’,05’’): Però, non definirei “sfollati” … con tutte le critiche che si possono fare alle costruzioni C.A.S.E., le persone che vivono nelle case del Progetto C.A.S.E. iniziale, è stato un progetto
costoso, forse con lo stesso denaro – è stato argomentato – si poteva dare abitazione al doppio delle persone, ma però le persone che vivono in quelle case non possono essere definiti sfollati.

Ad onor del vero, ci sembra che la realtà effettivamente riscontrabile a L’Aquila in questi giorni possa differire assai da quella illustrata dagli autorevoli intervenuti alla suddetta trasmissione, almeno per i seguenti aspetti:
1° – Dai dati qui pubblicati dalla Struttura di Gestione dell’Emergenza (SGE) risulta che oggi nel Comune de L’Aquila non ci sono più le 40mila persone sfollate, ma all’incirca 27.500 persone, così ripartite:
17.287 persone in situazioni alloggiative a carico dello Stato (C.A.S.E., M.A.P., alloggi in affitto agevolato);
9.851 persone con Contributo di Autonoma Sistemazione (C.A.S.);
184 persone in Strutture ricettive nella Regione Abruzzo (di cui 173 nella Provincia de L’Aquila);
177 persone nella Caserma della Guardia di Finanza a Coppito.

2° – Nel cassetto del Sindaco de L’Aquila ci sarebbe un miliardo e mezzo, ma per la Ricostruzione servono, come risulta nel Piano di Ricostruzione (simbolo de L’Aquila che era e, si spera, sarà), almeno cinque miliardi: 3,4 solo per il centro storico del capoluogo e 1,5 miliardi per le 49 frazioni.

3° – Giacché ognuna poteva accogliere non più di 80 persone, le 183 case del Progetto C.A.S.E. potevano ospitare 14.640 sfollati. Ad oggi, però, nei 4.449 alloggi di queste case, risultano presenti solo 13.130 persone. Cioè sul totale di sfollati (o, secondo alcuni attenti osservatori, di deportati) iniziali nelle 19 new town disperse in tutto il territorio comunale, ben 1.510 persone non sono rientrate nelle loro case (essendo la ricostruzione delle stesse neppure iniziata), ma risultano semplicemente altrove alloggiate. Vale a dire che il dieci per cento degli alloggi di queste c.a.s.e. sono vuoti. Oppure, se si preferisce, si potrebbe convenire di considerare che il 10% dei 900milioni di euro utilizzati per la loro costruzione sarebbe stato inutilmente speso. Cosicché, nel novello clima di rigore, di sacrifici e d’attenzione per la spending review, un solerte funzionario (anche ex-esponente dell’Opus Dei ed ex Presidente della Perdonanza Celestiniana), prima d’abbandonare la nave della SGE, sancì il “No C.A.S.E. no C.A.S.”. Un editto emanato per non riconoscere più il contributo d’autonoma sistemazione a coloro che si rifiutano di “sfollare” nuovamente negli alloggi vuoti dei c.a.s.e.! In realtà, con la nuova gestione comunale della SGE in atto da tre settimane, la suddetta norma vessatoria è stata applicata su 90 persone che sono state private del C.A.S., dacché sulle 93 considerate, due sono rientrare nei c.a.s.e. ed una nei m.a.p. realizzati anche nel capoluogo.


Se, senza ombra di dubbio, questa è la reale narrazione possibile dell’emergenza abitativa aquilana, ai suddetti amministratori (sedicenti “politici” oppure “tecnici”) possiamo chiedere perché non si curano affatto di proferire affermazioni assai mendaci (Cialente) oppure preconcette (Barca)? E per quale scopo ciò viene fatto in televisione?

L’attuazione del Piano C.A.S.E. venne accettata dal Sindaco de L’Aquila alla sola condizione di realizzare le nuove costruzioni antisismiche (provvisorie ma “durature” e già ideate dai tecnici di Berlusconi in Protezione civile) “presso le frazioni”, cioè prevalentemente lontano dal centro della città. Ovvero, in aree meno appetibili per la speculazione fondiaria. Quindi, le costosissime abitazioni super accessoriate con televisori al plasma risultarono per nulla idonee ad una permanenza prolungata di persone forzatamente allontanate dalle loro dimore molto sinistrate ed inagibili, semplicemente perché erano – e sono – prive d’ogni elementare attrezzatura urbana. Se il Ministro Fabrizio Barca sapesse come l’esistenza delle persone residenti in queste “riserve indiane” appare tanto innaturale dopo quasi tre anni di permanenza ed inaccettabile per l’assenza di tempi precisi d’un possibile rientro nelle proprie dimore, le avrebbe menzionate anziché con un litote (nient’affatto per sfollati) almeno con l’eufemismo (per sfigati) già usato, per un’altra situazione, dal collega di governo di minor età anagrafica. Infatti, a 35.862 persone (circa 2,5 volte in più di quelle insediate nelle c.a.s.e. predisposte dai diversamente sobri Berlusconi/Cialente/Bertolaso) venne permesso di usufruire di una sistemazione alloggiativi diversa. Probabilmente, questa realtà non sfugge al Ministro del Governo Monti che, dopo l’ex Sottosegretario Gianni Letta, dovrà raccordare le posizioni del Sindaco della città colpita dal sisma con quelle del Governatore della Regione nonché Commissario alla Ricostruzione dell’intero territorio teatro dell’evento tellurico. Quindi, la visione ministeriale potrebbe farsi più precisa e pertinente, magari rifuggendo dal sentito dire e recandosi sul posto con occhi ben aperti.
Sicuramente, questa realtà non può sfuggire al Sindaco Massimo Cialente. Ma allora, per quale ragione egli dipinge la situazione in modo non veritiero? Non sappiamo dire per quale ragione, nei giorni pari, egli sostiene che i soldi per la Ricostruzione ci sono e, nei giorni dispari, asserisce che i quattrini mancano o sono insufficienti, dopo l’onere dei puntellamenti. Dobbiamo, allora, credere che la descrizione dell’emergenza abitativa attuale, resa sostanzialmente simile a quella di tre anni fa, sia dovuta al voler accentuare un allarmismo per scopi diversi da quelli di destare una doverosa attenzione per la Ricostruzione mancata?

Insistere sul fatto che ci sono ancora persone negli alberghi ed in caserma (senza quantificarne in percentuale ed in assoluto i valori) e ripetere che altre persone costano allo Stato 100 euro al dì (senza indicare il perché), appare almeno un po’ fuorviante per chi riveste (ed ha rivestito) un certo ruolo nella gestione di questa emergenza. Forse, il gridare “al lupo, al lupo”, non serve tanto a ricostruire l’ovile per le pecorelle smarrite, quanto a costruire altre case, altri supermercati, altri capannoni che sono sempre insufficienti. Giacché così si deve urlare ovunque impera la “cultura della rendita”. Laddove quella fondiaria sia in connubio con quella finanziaria. Anche, quando, dove, come non serve più. Semplicemente perché costruire rende meglio che ricostruire.

Per crederci, basterebbe rivedere l’intera bellissima trasmissione di PRESADIRETTA (TERRA VIOLATA) del 29-01-2012 che, dall’inizio al 27minuto (sui 108 in totale), illustra come “al posto di mettere in sicurezza la terra, la si sta distruggendo”. Realizzando ovunque NUOVE costruzioni prima di recuperare a dovere quelle esistenti anche se danneggiate. Ma soltanto dove e come si deve. Nella salvaguardia delle caratteristiche del suolo e dei vincoli ambientali e di sicurezza. Oltre le ragioni meramente economicistiche e speculative. Orbene, ai margini di questo discorso principale che vale per tutti i territori colpiti dal sisma o dalle alluvioni, siamo propensi a pensiamo che se Iacona avesse parlato solo de L’Aquila, avrebbe precisato anche altri aspetti. Forse, almeno la convinzione d’un urbanista d’altri tempi che appare inossidabile anche nell’attuale: “Non esiste ragione alcuna per tenere in vita un Piano Regolatore quando diventa indispensabile varare un Piano di Ricostruzione”. Servirebbe solo a tenere (soprattutto durante la campagna elettorale) i piedi in due staffe. Tenderebbe solo a “promettere” una ricostruzione di quanto inserito nel “piano” appena formato (ma solo annunciato, quindi, né adottato né approvato) ed a “garantire” una costruzione di tutto quanto permane garantito solo ai privati nello strumento urbanistico vigente (sebbene, essendo del 1975, assai antiquato). Porta, a lasciare costruire subito per non ricostruire immediatamente e porterebbe a costruire ancora prevalentemente il nuovo rispetto al poco che si dovrà ricostruire se, dopo le elezioni amministrative locali, cambiasse appena la direzione del vento.

LBL


foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 151,675 hits