rapporto Bàrberi (estratto)

Censimento di vulnerabilità degli edifici pubblici, strategici e speciali nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia

rapporto_barberi-211x300

Rapporto Barberi rep42

Rapporto Barberi rep43

Statistiche sui complessi preschedati

abruzzo - edifici stato conservazione

[….]

Ci sono comunque considerazioni da ribadire a conclusione dell’esposizione sin qui fatta e sono le seguenti:
Le distribuzioni di vulnerabilità, pur avendo valori medi abbastanza bassi, sono caratterizzate da dispersioni elevate, che evidenziano la possibilità che i comportamenti degli edifici siano molto diversi fra loro.
In particolare le code ad elevata vulnerabilità delle distribuzioni, dove sono presenti quasi sempre un significativo numero di edifici, individuano gli immobili che con maggiore probabilità raggiungeranno il collasso per sismi anche di intensità non elevata. Questi edifici sono da analizzare con particolare attenzione perché più degli altri possono determinare vittime in caso di sisma.
Combinando le distribuzioni di vulnerabilità con lo studio della pericolosità sismica, auspicabilmente completa degli effetti di sito, è possibile pervenire alla determinazione del rischio sismico associato ai singoli edifici o, più realisticamente, a classi di edifici omogenei. Il quadro del rischio consente di individuare gli oggetti intervenendo sui quali si incide più efficacemente sulle perdite attese.
Combinando le stime di rischio con lo studio dei costi di intervento e con la determinazione dei miglioramenti attesi a seguito degli stessi è possibile ottimizzare l’uso di eventuali risorse finanziarie rese disponibili per la prevenzione ed ottenere da esse il massimo beneficio. I risultati dei rilievi effettuati e della loro elaborazione sono, quindi, un elemento di base assai utile per una accorta gestione di programmi di prevenzione. Essi possono essere sfruttati in modi progressivamente più efficaci, arricchendoli con altri studi di pericolosità, rischio, costo di intervento ed allocazione ottimale delle risorse.

*************************************************************************

da Il rapporto Barberi, Edilizia Piani di azione su http://openlinea.it, 4 ottobre 2011 

Il rapporto Barberi, il cui titolo e’ “Censimento di vulnerabilita’ degli edifici pubblici strategici e speciali nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia Orientale” e’ costituto da 3 volumi. Un anno e tre mesi circa di studio per formulare le graduatorie di 42.106 edifici pubblici nelle regioni citate. I paesi e le città dell’Abruzzo vengono censiti tenendo conto della zona sismica nella quale sono inseriti. Avezzano, il comune più grande tra quelli in fascia A, ovvero ad alto rischio sismico, ha le carte in regola. Gli 87 immobili esaminati presentano tutti una vulnerabilità sismica «bassa» o «medio- bassa». A quel tempo L’Aquila è invece un comune «arancione », ovvero di fascia B. E in quel settore è l’unica città ad avere i conti in disordine. Solo a guardare gli edifici in muratura, i più antichi, se ne trovano dieci a rischio «alto» o «medio-alto». Ci sono tutti quelli crollati il giorno del terremoto, all’appello non manca nessuno. Scriveva  Barberi concludendo la sua presentazione dell’opera: «Appare indispensabile che questo patrimonio di dati costituisca linea di indirizzo costante per l’avviamento a soluzione dei complessi problemi legati alla sicurezza del territorio interessato dal rischio sismico, in una corale accettazione di responsabilità da parte di tutti gli organismi interessati». L’ultimo passo, che non è mai stato fatto.

Annunci

0 Responses to “rapporto Bàrberi (estratto)”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 156,033 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: