auditorium al Forte Spagnolo

Lab Sintesi finale in progettazione architettonica e urbanistica,

Facoltà di Architettura, Università degli Studi di Firenze

di Andrea Nosi, da http://europaconcorsi.com, 5 giu.

1_large

© andrea nosi . Pubblicata il 19 Giugno 2012.

Estraneo al ritmo reiterato del modulo della città storica – regola ferma, quanto viva e variabile – il Forte spagnolo nasce esterno, successivo, a sé stante. Lo slancio verso il vuoto della rupe e la massa pesante, che, invece, lo inchioda alla pietra del monte ne fanno il volto della città dalla valle e la fonte del nostro progetto.

3_large

© andrea nosi . Pubblicata il 19 Giugno 2012.

Una spianata che si fa teatro all’aperto, un alto muro dritto – come quelli del forte – una scalinata che prosegue il ponte sul colle e la scatola della sala. Di questo si compone un progetto in sospeso tra nuovo e antico, solidità e cenni di dinamismo. Un progetto che diviene l’unicum costruito in una parte brulla e selvaggia aliena alla città murata, che si impone e non si nasconde con la pienezza e chiarezza delle proprie forme, ma che richiama in modo chiaro e assertivo la massa e la materia della mole a difesa della città. Con la città il dialogo si fa meno stretto e tutto si costituisce come rapporto diretto e filiazione della fortezza, anch’essa solitaria. Di questa, l’oggetto è completamento, continuazione e servitù di fatto, essendo la prosecuzione del polo museale raccolto nelle sale del castello.

4_large

© andrea nosi . Pubblicata il 19 Giugno 2012.

Un volume netto, agganciato alla roccia scabra, ma proteso verso la valle, anche l’Auditorium. Una forma mossa dalle necessità e dalle funzioni del progetto, ma costruita e regolata nelle misure e nelle proporzioni. La regola della misura nasce nel Forte, nel suo cortile ed è tratta al di fuori in modo chiaro e leggibile, nei vuoti come nei pieni. E, all’interno di questo sistema di misure e rimandi, si fa limite e principio ordinatore il segno del ponte di pietra, che, una volta, collegava il Forte alla valle e, ora, trova una continuità immaginata ma solida nel teatro stesso, che ne segue l’andamento inclinato.

5_large

© andrea nosi . Pubblicata il 19 Giugno 2012.

Il Forte cresce intono al suo cortile, unico elemento gentile in una mole di bastioni e mura. L’Auditorium si dipana in un sistema serratissimo di lunghi ballatoi, aperti sul segno delle scale, intorno alla grande sala centrale; anche qui, unico grande vuoto ingentilito dal rivestimento in legno. La sala è semplice, netta, di geometrie sicure. Le grandi travi a vista danno ritmo e palesano la scansione che regola l’intero complesso. Il legno ad assi irregolari di grandi dimensioni vena la purezza della forma e finisce per esaltarla, in un delicato gioco di contrasti. Di cemento grezzo i ballatoi, segnati solo dalla luce delle poche aperture e di calcare l’esterno; citazione non celata della pietra del Castello cinquecentesco e delle sue origini nella roccia della collina.

6_large

© andrea nosi . Pubblicata il 19 Giugno 2012.

L’unitarietà del modulo del Forte, aggregato e reiterato, ma mai negato o nascosto, garantisce una leggibilità chiara e immediata delle matrici del complesso in pianta, sezione e alzato, delle sue fonti e degli obiettivi verso i quali ci si è mossi. Ne è nata una struttura moderna, senza inflessioni vernacolari o localistiche, in cui l’idea della Storia traspare nella misura e nella materia e trascende il progetto, che se ne fa veicolo, ma non ne è schiavo.

7_large

© andrea nosi . Pubblicata il 19 Giugno 2012.

8_large

© andrea nosi . Pubblicata il 19 Giugno 2012.

9_large

© andrea nosi . Pubblicata il 19 Giugno 2012.
Annunci

1 Response to “auditorium al Forte Spagnolo”


  1. 1 Lucio Gialloreti 7 ottobre 2012 alle 10:55

    Caro Adriano , per caso un altro fabulistico progetto di auditorium nel Forte, per cui pagare cosulenza ? se sì ,mi metto ad urlare!!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 152,494 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: