il disegno della città

da “IL DISEGNO DELLA CITTÀ E LE SUE TRASFORMAZIONI
«Città e Storia», VI, 2011, 1, pp. 151-187 ©2011 Università Roma Tre-CROMA
di Mario Centofanti, Stefano Brusaporci

(*)

[…..]

L’Aquila conserva in sé, nel senso che le contiene, la propria memoria storica e la propria identità, e ciò nonostante proprio quest’ultima sia stata ripetutamente messa in discussione nei suoi significati dagli eventi sismici e la città sia stata obbligata più volte a ricostruirsi, a reinventarsi, a riproporsi su nuovi registri formali e figurativi.
La comprensione del processo di sedimentazione e stratificazione storica rappresenta comunque la base fondante le regole per la ricostruzione dopo il sisma del 6 aprile 2009, tanto alla scala urbana, quanto a quella del singolo edificio; due diversi livelli nei quali si ripropone identicamente l’antinomia tra conservazione e innovazione sia rispetto alla selezione critica della preesistenza da tutelare, sia rispetto alla cultura innovativa del progetto.
Mario Centofanti-Stefano Brusaporci

*Edifici ad oggi individuabili.

Edilizia Religiosa: 1 Cattedrale dei SS. Massimo e Giorgio, Palazzo Vescovile, Seminario,
S. Maria della Pietà (poi Oratorio di S. Luigi) (secc. XII-XVI-XVIII-XX); 2 S. Bernardino
Convento dei Minori Osservanti (secc. XV-XVI) ; 3 S. Maria di Collemaggio badia
Celestiniana (secc. XIII-XV-XVIII); 4 S. Giusta di Bazzano (secc. XIII-XV-XVII); 5 S. Maria
di Paganica (secc. XIII-XIV-XVIII); 6 SS. Nicandro e Marciano di Roio (secc. XIV-XVIII);
7 S. Pietro di Coppito (secc. XIII-XVIII); 8 S. Agnese Monastero di Celestine (secc. XVXVIII);
9 S. Agostino Convento degli Eremitani (secc. XIII-XVIII); 10 S. Amico Monastero
di Agostiniane (secc. XIV-XVII); 11 Ospizio dei Minori Riformati, S. Anna (sec. XVIII); 12
S. Antonio de’ Nardis (sec. XVII); 13 S. Basilio Monastero di Celestine (secc. XIV-XVIII);
14 S. Benedetto di Arischia (secc. XIV-XVIII-XX demolita); 15 SS. Biagio e Vittorino di S.
Vittorino d’Amiterno (secc. XIV-XVIII); 16 S. Carlo Convento dei Minori del Terzo Ordine
(sec. XVII-XIX non più esistente); 17 S. Caterina Martire (su preesistenza S. Geronimo),
Monastero di Celestine (secc. XIV-XVIII); 18 S. Caterina da Siena Monastero di Domenicane
(secc. XVI-XVII); 19 S. Chiara d’Aquili Monastero di Clarisse (secc. XIII-XVIII); 20 SS.
Concezione (secc. XIII-XVIII-XIX); 21 SS. Crisante e Daria Opera Pia (secc. XVI-XVIIXIX
non più esistente); 22 Cristo Re (sec. XX); 23 S. Croce Monastero di Cistercensi (secc.
XVI-XVIII); 24 SS. Crocifisso (sec. XVII); 25 S. Domenico Convento dei Domenicani (secc.
XIV-XVIII); 26 SS.Eucarestia Monastero di Clarisse (secc. XIV-XV); 27 S. Filippo Neri dei
Preti dell’Oratorio (sec. XVII); 28 Oratorio della Congregazione di S. Filippo Neri (sec.
XVIII); 29 S. Flaviano della Torre (sec. XIV); 30 S. Francesco a Palazzo, Convento dei Minori
Conventuali (secc. XIII-XV-XVIII-XIX demolita); 31 S. Giovanni Battista di Lucoli (sec.
XV-XIX demolita); 32 S. Giuseppe (sec. XVIII); 33 SS. Giustino e Martino di Chiarino
(sec. XIII-XX demolita); 34 S. Leonardo (sec. XVIII-XX demolita); 35 S. Leonardo di
Porcinari (sec. XV-XIX demolita); 36 S. Lorenzo di Pizzoli (secc. XIII-XIX-XX) ; 37 S. Lucia
Monastero di Agostiniane (secc. XIV- XVIII-XX); 38 S. Marco di Pianola (secc. XIV-XVIII);
39 S. Margherita Collegio dei Gesuiti (sec. XVII); 40 S. Maria degli Angeli (sec. XVI); 41 S.
Maria Annunciata di Preturo Opera Pia (secc. XV-XIX); 42 S. Maria Assunta Congregazione
dei Nobili (secc. XVI-XVII-XVIII); 43 S. Maria delle Buone Novelle (secc. XV-XVIII); 44 S.
Maria del Carmine (secc. XV-XVIII); 45 S. Maria di Cascina (secc. XIII-XVIII dismessa); 46
S. Maria ad Civitatem Opera Pia (secc. XIV(?)-XIX demolita); 47 S. Maria di Forfora (secc.
186 Mario Centofanti-Stefano Brusaporci
XIV-XX); 48 S. Maria di Gignano (secc. XV(?)-XVIII dir.); 49 S. Maria delle Grazie (secc.
XVII-XX demolita); 50 S. Maria di Intervera (secc. XVI-XIX demolizione); 51 S. Maria
Maddalena Monastero di Celestine (secc. XVI-XX demolita); 52 S. Maria della Misericordia
Opera Pia (sec. XVI); 53 S. Maria della Neve (secc. fine XIV-XIX demolita); 54 S. Maria
di Picenze; 55 S. Maria dei Raccomandati Monastero di Celestine (secc. XIV-XIX); 56 S.
Maria di Rascino (secc. XVI-XVII-XIX poi S. Francesco di Paola); 57 S. Maria del Rifugio
Monastero di Cistercensi Riformati (secc. XVIII-XX); 58 S. Maria di Roio (secc. XIV-XVIII);
59 S. Maria dei Sette Dolori (secc. XIV-XVIII); 60 S. Maria del Suffragio (sec. XVIII); 61 S.
Maria del Vasto (secc. XV-XX demolita); 62 S. Michele Ospizio dei Cappuccini (secc. XVIIXIX);
63 S. Nicolò di Santanza (secc. XIV-XVIII-XX); 64 SS. Nome di Gesù (XIX demolita);
65 SS. Orsola e Teresa Opera Pia (secc. XVII-XIX); 66 S. Paolo dei Barnabiti (sec. XVII); 67
S. Paolo di Lavaredo; 68 SS. Pietro e Nicolò di S. Pietro e della Genca (secc. XIV-XIX demolita);
69 S. Quinziano di Pile (secc. XIII-XIV-XVIII); 70 S. Salvatore (secc. XV-XIX non più
esistente) con annesso Ospedale (n. 222); 71 S. Sebastiano (secc. XIV-XIX non più esistente);
72 S. Silvestro di Collebrincioni (sec. XIV); 73 S. Spirito; 74 Spirito Santo (secc. XVI-XIX
demolita); 75 S. Tommaso di Terra Negra, Commenda dell’Ordine di Malta (secc. XIV-XX);
76 S. Vito (secc. XV-XX) con annesso Ospedale (n. 221).
Edilizia Civile: 77 Palazzo Alfieri (secc. XV-XVII-XVIII); 78 Palazzo Alfieri (secc. XV-XVIIIXIX);
79 Palazzo Alfieri (sec. XVI); 80 Palazzo Alfieri (sec. XVII); 81 Palazzo Alfieri poi
Pica-Alfieri (su preesistenza Palazzo del Conte, secc. XV-XVIII); 82 Palazzo Alfieri-De Torres-
Dragonetti (secc. XVII-XVIII-XIX); 83 Palazzo Alfieri-Ossorio (secc. XV-XVIII); 84 Palazzo
Alfieri-Ossorio (sec. XVII); 85 Palazzo Antinori (sec. XVIII); 86 Palazzo Antonelli (sec.
XVIII); 87 Palazzo Antonelli (sec. XVIII); 88 Palazzo Antonelli-De Torres-Dragonetti (secc.
XVI-XVIII); 89 Palazzo Ardinghelli (sec. XVIII); 90 Palazzo Baroncelli-Cappa (secc. XVIXVIII);
91 Palazzo Benedetti (su preesistenza Gaglioffi, sec. XVIII); 92 Palazzo Berrettini
poi Manetti (sec. XVIII); 93 Palazzo Betti (seconda metà sec. XIX); 94 Palazzo Bonanni poi
Cipollone Cannella (secc. XVI-XIX); 95 Palazzo Branconio (secc. XVI-XVIII); 96 Palazzo
Branconio (secc. XVI-XIX); 97 Palazzo Bucciarelli-Vivio (secc. XV-XVIII); 98 Palazzo Burri
(secc. XV-XVIII); 99 Palazzo Burri-Corsi (sec. XVIII); 100 Palazzo Burri-De Marinis poi
Chiarizia (secc. XVI-XVIII); 101 Palazzo Burri-Gatti (sec. XV); 102 Casa Camponeschi-
Cappa (sec. XV); 103 Palazzo Carli (Benedetti) (secc. XV-XVI); 104 Palazzo Carli (secc. XVIXVIII);
105 Palazzo Carli (sec. XVIII); 106 Palazzo Carli-Cappa (sec. XVIII); 107 Palazzo
Carli-Porcinari (sec. XVII); 108 Palazzo Centi (sec. XVIII); 109 Casa Cerasoli (sec. XVI);
110 Palazzo Cesura (sec. XVI); 111 Palazzo Ciampanella (sec. XVI); 112 Palazzo Ciampella
poi Cappelli (sec. XVI); 113 Palazzo Ciampella poi Ciolina (su preesistenza Lepidi, sec.
XVIII); 114 Palazzo Ciambella-Perella (sec. XVI); 115 Palazzo Ciccozzi (sec. XVIII); 116
Palazzo Ciolina (su preesistenza Oliva-Vetusti, sec. XVIII); 117 Palazzo Cito-Cidonio (su
preesistenza Oliva-Palmaro-Alfieri, sec. XIX); 118 Palazzo Cresi (secc. XVI-XVIII); 119
Palazzo D’Armi (su preesistenza Emiliani, sec. XIX); 120 Palazzo Dragonetti (sec. XVI); 121
Palazzo Dragonetti (secc. XVI-XVIII); 122 Palazzo Falconio (sec. XVII); 123 Palazzo Fanella
(sec. XIX); 124 Palazzo Fibboni (sec. XVI); 125 Palazzo Franchi-Fiore (sec. XV); 126 Palazzo
Gigotti (sec. XIX, sostituito sec. XX con pal. Federici); 127 Palazzo Iacobucci (sec. XIX); 128
Palazzo Ienca (sec. XVIII); 129 Palazzo Incordati (sec. XVI); 130 Palazzo Lepidi-De Rosis-
Alessandri; 131 Palazzo Lucentini Paolantonio-Bonanni (secc. XV-XIX-XX); 132 Palazzo
Manieri (secc. XV-XVIII); 133 Palazzo Micheletti-Romanelli (sec. XVII); 134 Palazzo Nardis
(secc. XVII-XVIII); 135 Palazzo Nardis-Oliva-Vetusti (secc. XVI-XVIII); 136 Casa di Nicola
di Notar Nanni (sec. XV); 137 Palazzo Nodali-Gagliardi-Sardi (sec. XVIII); 138 Palazzo
IL DISEGNO DELLA CITTÀ E LE SUE TRASFORMAZIONI 187
Oliva-Cappa (sec. XVII); 139 Palazzo Oliva-Vetusti (sec. XVIII); 40 Palazzo Oliva-Vetusti
(sec. XIX); 141 Palazzo Paone (sec. XVIII); 142 Palazzo Persichetti su preesistenza Colantoni-
Franchi, sec. XVIII); 143 Palazzo Petrini (su preesistenza De Rosis-Marchi sec. XIX, poi sostituito
da pal. Banco di Napoli sec. XX); 144 Palazzo Pica-Bernardi (sec. XVIII); 145 Palazzo
Pietropaoli (sec. XVIII); 146 Palazzo Porcinari (secc. XVI-XVIII); 147 Palazzo Porcinari-De
Marinis (sec. XVII); 148 Palazzo Quinzi (sec. XVIII); 149 Palazzo Quinzi-Cappa-Di Paola
(secc. XVII-XVIII); 150 Palazzo Rivera (secc. XVI-XVIII); 151 Palazzo Romanelli (sec. XVI);
152 Palazzo Rustici (sec. XVI); 153 Palazzo Sidoni (sec. XIX); 154 Palazzo Simeonibus (secc.
XV-XIX); 155 Palazzo Speranza (sec. XIX); 156 Palazzo Zuzi (sec. XVIII); 157 Palazzo su
preesistenza Alessandri (sec. XVIII); 158 Palazzo su preesistenza Gentile (sec. XVIII); 159
Palazzo su preesistenza Oliva (sec. XIX); 160 Palazzo su preesistenza Salvati-Agnifili (sec.
XIX); 161 Palazzo Via S. Marciano (sec. XIX); 162 Palazzo Via Tre Marie (sec. XIX); 163
Fortezza Spagnola (sec. XVI); 164 Palazzo del Magistrato (secc. XIV-XVI-XVIII-XIX); 165
Caserme di Artiglieria “De Rosa” (sec. XIX); 166 Palazzo di Giustizia (sec. XX); 167 Ufficio
Tecnico Erariale (sec. XX); 168 Palazzo I.N.P.S. (sec. XX); 169 Palazzo I.N.A. (sec. XX);
170 Palazzo I.N.F.P.S. (Ist. Naz. Fascista Previdenza Sociale); 171 Palazzo I.N.F.A.I.L. (Ist.
Naz. Fascista Assicurazione Infortuni sul Lavoro) (sec. XX); 172 Palazzo Uffici Governativi
(sec. XX); 173 Palazzo delle Poste (sec. XX); 174 Sede S.I.P. (sec. XX); 175 Sede I.N.A.M.
(sec. XX); 176 Palazzo Uffici Finanziari (sec. XX); 177 Palazzo Camera di Commercio (su
preesistenza Pica-Angelini) (sec. XX); 178 Sede E.N.E.L. (sec. XX); 179 Sede E.N.E.L. (già
Caserma Angelini su preesistenza dei Notar Nanni) (sec. XIX); 180 Sede A.C.I. (sec. XX);
181 Sede società Acquedotto Ferriera (su casa Mariani) (sec. XX); 182 Sede A.N.A.S. (sec.
XX); 183 Nuova sede Uffici Finanziari(sec. XX); 184 Casa del Balilla (sec. XX); 185 Casa
del Combattente (sec. XX); 186 Casa della Giovane Italiana (poi sede I.S.E.F.) (sec. XX);
187 Casa dello Studente (sec. XX); 188 Casa del Mutilato ed Invalido (sec. XX); 189 Nuovo
Collegio d’Abruzzo Universitario dei Gesuiti e sede U.P.I.M. (sec. XX); 190 Istituto Maestre
Pie Filippine (sec. XX); 191 Opera Giovanile dei Salesiani (sec. XX); 192 Istit. S. Caterina
delle Suore Ferrari (sec. XX); 193 Istituto Suore Zelatrici del S. Cuore (sec. XX); 194 Istituto
Sacra Famiglia (sec. XX); 195 Istituto “Dottrina Cristiana” (sec. XX); 196 Istituto Salesiano
Femminile (sec. XX); 197 Istituto “Oasi” (Istituto Monastico Assistenziale) (sec. XX); 198
Palazzo Cassa di Risparmio (sec. XX); 199 Palazzo Banca d’Italia (sec. XX); 200 Palazzo
Banca Nazionale del Lavoro (sec. XX); 201 Teatro S. Ferdinando (poi Teatro Comunale) (sec.
XIX); 202 Cinema Massimo (sec. XX); 203 Cinema Olimpia (sec. XX); 204 Hotel “Duca
degli Abruzzi” (sec. XX); 205 Hotel “Castello” (sec. XX); 206 Residence “Le Cannelle” (sec.
XX); 207 Grande Albergo (sec. XX); 208 Edificio Commerciale (sec. XX); 209 Market
(sec. XX); 210 Direzione e Dep. Società Commerciale (sec. XX); 211 Scuola Materna (sec.
XX); 212 Scuola Materna ed Elementare (sec. XX); 213 Scuola Elementare II Circolo (sec.
XX); 214 Scuola Media “G. Mazzini” (sec. XX); 215 Scuola Media “G. Carducci” (sec.
XX); 216 Istituto Magistrale Statale (sec. XX); 217 Istituto Tecnico Femminile (sec. XX);
218 Istituto d’Arte (sec. XX); 219 Direzione Didattica VIII Circolo (sec. XX); 220 Mensa
Universitaria (sec. XX); 221 Ospedale di S. Vito (poi sostituito dal Mattatoio) (sec. XVIII);
222 Ospedale di S. Spirito (sec. XVIII); 223 Ospedale S. Salvatore (sec. XV-XIX); 224
Dispensario Antitubercolare (sec. XX); 225 Dispensario di Igiene (sec. XX); 226 Palazzini
Uffici Amministrativi Ospedale Civile (sec. XX); 227 Casa di Cura “S. Giuseppe” (sec. XX);
228 Casa di Cura “Colletti” poi Sanatrix (sec. XX); 229 Deposito Carburanti (sec. XX); 230
Autorimessa Pubblica (sec. XX); 231 Autorimessa Pubblica poi Palestra Comunale (sec. XX).
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 153,693 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: