no allo scippo del Museo

Museo Nazionale d’Abruzzo: Legambiente dice no a trasferimento opere a Sulmona

da “il Capoluogo” 5 apr 2012

Sull’ipotesi di delocalizzare una parte consistente delle opere appartenenti al Museo Nazionale d’Abruzzo dell’Aquila nella Badia Morronese di Sulmona si muove Legambiente scrivendo una lettera a alla sovrintendente Lucia Arbace. Le opere in buono stato di conservazione e quelle danneggiate dal sisma, precedentemente esposte nel museo aquilano, sono oggi ospitate nel Musè Paludi di Celano, per volere ministeriale. Le opere sono conservate nella nuova collocazione dal 4 maggio 2009, grazie al lavoro del Ministero per i Beni e le attività culturali, di operatori specializzati nel settore, dei dipendenti del museo e degli stessi volontari di Legambiente. Il Museo (Musè), col tempo è stato inoltre potenziato con apparecchiature in grado di mantenere, nei locali in cui sono le opere, il più idoneo microclima secondo criteri ben definiti.

Negli spazi dell’ex Mattatoio del capoluogo abruzzese sono però disponibili locali adatti a ospitare una parte delle opere, in attesa del restauro e del ripristino del Forte Spagnolo. «Eppure – fa sapere Legambiente – , nonostante sia stato già stanziato il finanziamento per l’adeguamento dei locali, questi non sono ancora utilizzabili».

Si legge nella nota di Legambiente a firma della presidente Francesca Aloisio «Come Lei sa di certo, il Circolo Legambiente Beni Culturali si è sempre adoperato fin da subito dopo il sisma del 6 aprile 2009 perché temi come quelli della salvaguardia, tutela e valorizzazione del patrimonio storico, artistico, monumentale ed architettonico di tutto il cratere non rimanessero solo belle parole. Non possiamo quindi non sottoporLe delle domande, viste le recenti notizie riportate dalla stampa locale riguardo una presunta Sua volontà di delocalizzare una parte consistente delle opere appartenenti al Museo Nazionale d’Abruzzo in altre sedi lontane dal Capoluogo». 

«Ormai molti sanno che le opere, in buono stato di conservazione e quelle danneggiate dal sisma, sono attualmente ospitate nel Musè Paludi di Celano per volere ministeriale già dal 4 maggio 2009, grazie al lavoro di funzionari MiBAC, di operatori specializzati nel settore, dei dipendenti del museo e degli stessi volontari di Legambiente. Inoltre il Museo col tempo è stato potenziato con apparecchiature in grado di mantenere nei locali in cui sono le opere il più idoneo microclima secondo criteri ben definiti. Non capiamo quindi, quali sono le ragioni che La spingono a spostare le opere alla Badia Morronese di Sulmona» , prosegue Aloisio «Da tempo siamo, come cittadini, in attesa dell’adeguamento dei locali da Voi individuati nell’Ex Mattatoio, nella zona monumentale delle 99 cannelle, ad accogliere una parte delle opere aspettando il restauro e ripristino del Forte Spagnolo. Sembra che ad oggi i locali non sono ancora utilizzabili anche se il finanziamento è già stato stanziato a questo scopo, come mai? Se questo risponde al vero, perché non cercare un luogo alternativo in questa città? 

Si parla della città di L’Aquila come capitale della Cultura, come sito Unesco, come luogo di cultura e arte, ma la delocalizzazione delle opere equivarrebbe a candidare una città che sarebbe come una scatola vuota, privata della suo contenuto culturale ed artistico, imprescindibile dalla città stessa. Il recupero e il restauro di un patrimonio culturale eterogeneo ed esteso come il nostro deve esser considerato una priorità nella ricostruzione non solo del costruito ma anche un’opportunità di salvaguardare la cultura e l’arte, che erano il nostro vanto e che si rischia di perdere o dimenticare. L’unico modo perché questo sia possibile è dare fruibilità alle opere perché possano esser fonte di ispirazione per il nuovo e di studio per chi un domani si occuperà di tutelarle, per trasmettere al futuro il passato evitando l’allontanamento delle opere dall’Aquila già privata di molto».

****************************************************

…….. la replica di Arbace, Museo Nazionale Abruzzo rimarra’ all’Aquila

L’Aquila, 4 apr. (Adnkronos) –

“Nessun trasferimento del Museo Nazionale d’Abruzzo, che e’ e rimarra’ a L’Aquila”. Lo assicura, all’Adnkronos, Lucia Arbace, soprintendente Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici dell’Abruzzo, smentendo le ipotesi di trasferimento del Museo da L’Aquila alla badia Morronese di Sulmona, come da piu’ parti ipotizzato tanto da spingere Legambiente a chiedere chiarimenti in merito.

“Sto solo cercando di non farlo morire questo museo – spiega la soprintendente – facendolo vivere nella memoria attraverso la visibilita’ delle opere, facendo quindi l’opposto di quello che viene paventato. Secondo me un museo vive solo se non viene dimenticato, e un museo nei depositi potrebbe esserlo. Portare invece le opere sotto forma di mostre in altre sedi espositive – prosegue – una delle quali potrebbe essere l’Abbadia di Sulmona, e’ una maniera per rendere visibile questo materiale. Quindi e’ un’azione in positivo per il museo e non in negativo, come qualcuno pensa. L’obiettivo e’ solo dare visibilita’ alle opere del museo che al momento non ha una sede prestigiosa come era il Castello dell’Aquila”.

“La mia filosofia da quando sono arrivata all’Aquila – aggiunge Arbace – e’ stata sempre quella di dare visibilita’ alle opere del museo chiuso attraverso una serie di mostre. Sto continuando a portare avanti una serie di iniziative di esposizioni itineranti con il patrimonio del Museo Nazionale d’Abruzzo ma anche opere del territorio prese in prestito dalle curie. Ora, sto preparando una serie di iniziative e una di queste sara’ a Sulmona. Nessun trasferimento del Museo quindi”.

Annunci

0 Responses to “no allo scippo del Museo”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 156,013 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: