Il Vicolaccio: chiesa di S.Francesco

[….]  L’affresco della Crocifissione  fu staccato alla fine dell’800 in seguito alla distruzione della chiesa di San Francesco che occupava gli attuali portici di via Principe Umberto e parte della strada. La sua costruzione, come quella dell’annesso convento, risaliva all’epoca della costruzione della città, ma i vari terremoti succedutisi nei secoli ne modificarono l’originario assetto, fino alla quasi completa distruzione. Oggi restano il campanile, il refettorio ligneo nel convitto nazionale e la cella del convento dove morì San Bernardino da Siena.

Crocifissione

La Crocifissione
  • Nazione – Italia
  • Città – L’Aquila
  • Luogo di conservazione – Museo Nazionale d’Abruzzo
  • Luogo di collocazione – Piano 1 – Corridoio
  • Materia e tecnica – Affresco staccato
  • AutoreFrancesco da Montereale
  • SezioneArte Sacra
  • Tipologia – Affresco
  • Dimensioni – h. 400 cm, largh. 390 cm
  • Datazione – Sec. XVI (prima met
  • Copyright immagine – PSAE AQ
Descrizione
L’affresco presenta il Cristo in croce,con ai lati i ladroni:Disma sulla sua destra e Gesta,appena visibile,  alla  sua sinistra.In basso è raffigurata una folla di soldati,alcuni a cavallo.In primo piano sulla sinistra è il gruppo con la Vergine svenuta, sorretta da San Giovanni e dalle tre Marie.
Bibliografia
A. LEOSINI, Monumenti storici aquilani, L’Aquila 1848;
V. BINDI, Artisti abruzzesi, Napoli 1883;
V. BINDI, Monumenti storici ed artistici degli Abruzzi, Casalbordino 1889;
L. SERRA, L’Aquila monumentale, L’Aquila 1912;
M. CHINI, Pittori aquilani del ‘400, Roma 1915;
G. MAGNANIMI, Ritrovamente e restauri, Roma 1972.R. CANNATA’, Francesco da Montereale e la pittura a L’Aquila dalla fine del ‘400 alla prima metà del ‘500, in “Storia dell’arte”,41,1981
Commenti
L’opera, purtroppo assai lacunosa, ci fornisce interessanti indicazioni sulla pittura di Francesco da Montereale, la personalità artistica più ricercata a L’Aquila ai primi del Cinquecento, come risulta dall’abbondanza delle opere che gli vengono attribuite. Lo schema della composizione è ancora quattrocentesco, con il Crocifisso collocato in primo piano rispetto al vuoto della parte alta, occupata quasi esclusivamente dalle croci. L’interesse dell’artista non è rivolto al paesaggio, ma alle figure che cura con minuziosa attenzione, soprattutto nei volti, che risultano fortemente caratterizzati. particolarmente interessante è la complessità delle correnti che confluiscono nell’affresco. Oltre ai modi della pittura umbra, ed in particolare del Perugino, notiamo alcuni riferimenti al Sodoma, come la raffigurazione dello svenimento della Madonna. La monumentalità e la volumetria di alcuni elementi della composizione sembrano riecheggiare i modi di Piero della Francesca. Infine nell’accentuata espressività di alcuni personaggi e nella minuzia dei particolari si può ravvisare la conoscenza delle stampe tedesche.L’affresco fu staccato alla fine dell’800 in seguito alla distruzione della chiesa di San Francesco che occupava gli attuali portici di via Principe Umberto e parte della strada. La sua costruzione, come quella dell’annesso convento, risaliva all’epoca della costruzione della città, ma i vari terremoti succedutisi nei secoli ne modificarono l’originario assetto, fino alla quasi completa distruzione. Oggi restano il campanile, il refettorio ligneo nel convitto nazionale e la cella del convento dove morì San Bernardino da Siena.http://www.museonazionaleabruzzo.beniculturali.it
dalla Pianta di Antonio Vandi del 1753 della zona di Via Patini
Franchi: Difesa per la fedelisima città dell’Aquila contro le pretensioni de’ castelli, Napoli.
(cortese collaborazione di Igino Tironi)
Annunci

0 Responses to “Il Vicolaccio: chiesa di S.Francesco”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 153,274 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: