Conversazioni divergenti 1

di Giorgina Cantalini (traduzione di Anna Pacifica Colasacco), da FaceBook, 26 gennaio

–      Come va?
–      Eh, come va, tiriamo a campare.
–      Ma addo’ sta’? Non te so’ cchiù vistu, penzeo : “me sa che ha dicisu de remane’ alla costa”
–      No, no, so’ stato nu pocu a Roma alla casa de fijemo, ma po’ me ne so’ reitu  subito alla tendopoli. Alla costa non ce  so’ mai itu. E vojatri?
–      Eh, alla casa, quella  de Cuppitu, semo aggiustato pure  sotto e ce ne semo jiti loco, sopra e sotto. Ma semo  fattu subbitu, l’estate semo  messa la tenda a ju giardinu e po’, coj’autunnu, semo rrentrati. Allora ecco ci semo sbrigati a fa fa’ ji laori, semo resistemato tuttu, semo refatto novu e po’ semo raffittatu subbitu subbitu tutta la palazzina.
–      Ma, ju negozziu?
–      Eh,  sta loco arrete, non ju sci vistu? Mo’ ce sta solo ju bar. Cuscì  semo affittato lo restu  della palazzina alla delegazio’, alla banca che stea alla rotonna, l’appartamentino sopra a unu de ju Cumune e ju negozziu lo semo refattu cchiù piccolo.
–      E tutto lo  magna’ dej’ alimentari?
–      Ju bar checcosa lo te’, se te serve, ma sennò lo magna’, la roba, ecco nturnu non c’abitea chiù gnisciunu, che lo teneamo a fa’? Ecco sotto ci stea sempre ju Gustosone! Ji clienti pe ddu’ negozzi ,secondo me, non ci steano chiù e ‘nvece cuscì mo’ tenemo  tre affitti e la rendita de ju bar.
–      Addirittura? (Offrechete!)
–      Eh, ‘na specie, ju so’ fatttu  pija’ a nepotemo e mo’ ci laora issu.
–      Eh, ‘sso tarramotu, chi se penzea che cagnea tutta ‘sta via, pure se non facea casca’ manco  ‘na casa?
–      Beh, ma ecco le case steano fatte bone.
–      Eh, tranne la prima loco sotto, ma quella era de ju conzorziu della banca a capo piazza e fecero de tuttu pe risparmia’.
–      Te llo recurdi?
–      E come no?
–      Mo’ se so’ ripuliti, coju primu piano tutto scoppiato e ju torrio’  a metà.(pausa)
–      Dimme pocu ‘na cosa, ma  com’è che ecco a vojiatri  ji laori t’hanno ancora comincia’? Mo’, non è che me vojo fa’ j’affari de vojiatri, ma ecco nturnu le case le hanno remesse quasci tutte appostu . E com’è che la vostra che  è quella che stea mejiu  mo  è la sòla che non j’hanno refattu gnente?
–      E che ne saccio, figliemo m’ha ittu che la pratica l’hanno presentata, ma sta tuttu bloccatu.
–      E’ che tutte ‘sse ordinanze so’ nu casinu, uno non capisce che ta fa’. E’  pe’ quesso che nojiatri semo fatto subbitu . E da soli
–      Eh,vabbò, ma tu sci ricco.
–      Che c’entra? Quella, la ditta, a j inizziu ancora stea a spasso, pecché ,se facìi subbitu, quissi te steano a aspetta’ e te faceano pure creditu. So’ pagato pezzo a pezzo coj’affitti della delegazio’ e della banca.
–      Ma tu mica tinii atri cundòmini!
–      Ma li poteate comincia’ subito ji laori pe’ fatti vostri, mica c’avevate tutti ‘ssi danni!
–      Ah, ma allora non sci capitu, la nepote della vecchia che stea sottu  ha ittu subbitu, “ah ji non caccio na lira dello me’ e lo tenete scrie sopra aju  rigistro!” E strillea. Cuscì non semo potutu fa’ gnente.
–      Ma chi so?
–      Eh, ji nipoti de Rieti della proprietaria, quella anziana che stea pocu bene e già abbitea  a n’atra parte, da prima deju tarramotu.
–      Va be’, ma quella è una, e ji atri?
–      Ma chi te pensii che ci stea loco? Sotto ci steano  ji studenti, sopra la voleano venne e nojatri che ci abbiteamo  semo remasti fregati.
–      Ma po’?
–   Po’ hanno ittu che le misurazzio’  non steano fatte bone, che alle verifiche s’erano sbajiati, hanno repijiatu le misure, so’ revenuti quiji deju Cumune e hanno declassato.
–      Me sta’ a di’ che non sete chiù B?
–      Eh no. Non lo sci saputu?
–      Temé.
–    Eh no. Ju guaio è che tra ji proprietari  ce stea j’architettu cosu, n’atru architettu e n’ingegnere. Che te vulii mette’ a discute! Alla prima assemblea s’è messa a strilla’ la nepote della vecchia “ah io non caccio una lira”, che non ci abbitea nemmanco, né la nipote né la vecchia, e a nojiatri c’è toccato pure de falla decide. Quello sopra a me stea confinatu aju mare, ji alla tenda, quij’atru ‘n camper e quella “io non caccio una lira, io non caccio una lira”, intanto però la casa la tenea, era la sé e ci stea pure entru bella tranquilla .
–      Ma quanti soldi teneate caccia’?
–      Se comincea  co’ 3000.
–      Solu?
–      Sissignore
–      Eh mo’?
–      Mo’ ji sordi non se conteno cchiù.
–      Ma com’è che la sete declassata?
–    Eh, j’architettu cosu all’assemblee dopo, e revieni daju mare, da Roma, da ‘na parte, da ‘n’atra, j’architetto ha cominciatu a dì “qui buttiamo giù il palazzo e lo rifacemo con j’appartamenti chiù rossi, occupemo ju curtile, abbattemo j’arberi, tanto a ju giarinetto  nonci jea mai gnisciunu, era solo ‘na  fatica pe’ tenello pulitu”. J’atru architetto  se stea zittu, j’ngegnere, ju terzu espertu, è ju nepote e te parea che non stea d’accordu.
–      Ma j’amministratore da che parte stea?
–      Quiju s’è offeso la prima ‘ote che ci semo revisti. Ci semo convocati da soli coji telefunini e quiju s’è offeso.
–      Eh mo’, ma co’ quella sorte d’emergenza!
–    Sci capitu? Quiju volea fa’ l’assemblea dopo ddu’ mesi, noijatri la voleamo fa’ subbitu, e issu s’è offeso “tanto ecco  non se move foglia  almeno pe’ du’anni” e  minaccea che, se quarchid’unu poi contestea, tenea pure raggio’ , perché l’assemblea non era valida. Pe’ calmarlo ji  semo tinutu chiede scusa tre ‘ote. “Io non caccio ‘na lira” da ‘na parte e ju muso lungu d n’atra. J’inquilinu sopra a me non sapea addò sbatte la coccia: noiatri ddu  che c’abiteamo veramente e unu che ci rrentrea come potea, j’unici che non semo potutu parla’.
–      E dopu?
–      Eh, visto che quiju sopra a me s’era ‘ncazzato de bruttu  co’ la storia della demolizio’, j’architettu  ha comenzatu a di’ che non era sicuro che la casa se potea ripara’ colle B, che teneamo  refa’ le prove strutturali, che  le crepe erano sospette, “e se po’  co n’atro tarramutu se nne casca tutto?’” E j’atri appressu. Ju fiju de ju  judice “ah, ji se non è sicura non ce ‘rrentro”. Alla fine so’ tornati ji tecnici deju Cumune e hanno ittu che teneano ragio’ quissi e che la palazzina era E, ma no da abbatte.
–      Ma ‘sta casa ecco?
–      Eh.
–      Ma quessa se potea rentra’ subbitu, non stea mancu entru alla zona roscia.
–      E ‘nvece no.
–      Ma so’ passati tre anni!
–     Se è pe quesso, ne passano pure decchiù de anni, le pratiche so’ tutte bloccate e la casa mo’ sta messa male pe addaero.
–      Ma pecché sta tutta aperta?
–      Pecché so’ vinuti ji ladri  na freca de ote e hanno ruttu le serrature.
–      Coju comando deji vigili di fronte?
–      E no! Che te pinzi che tengono paura de quissi? Ju centro, loco, se so’ pijatu tuttu e ce sta pure j’esercitu!
–      Ma j’atri condòmini so’ stati tutti d’accordo a  rechiama’ ju Comune?
–     Tutti, tranne io, quiju de sopra e ju professore de Roma. J’atri tutti d’accordu “meno male che è E, cuscì ci anno chiù sordi e potemo fa’ ji  laori seri, cuscì stemo  tutti chiù tranquilli”
–      Tenea ju primo piano a posto, non bastea quacche renforzu?
–      Ma le fondamenta le teneamo refa’ pure se remanea B. Mica  steamo a pazzia’. Che tenamo fa’?  Ji laori pe ffinta? Tre progetti semo fatti fa’, tre! Uno pe ‘na casa B, ma che era ‘na A, una pe ‘na B e una pe ‘na E. E meno male che non semo fatto pure ju progettu d’abbattimento.
_      Ma che teneano ‘n coccia?
–     E’ che cuscì se penzeano che dopu  tenea  ‘na freca de valore de chiù. Invece esso fatto:  mo’ è poco chiù de‘nu rudere.
–      Che vo’ fa’, ji confetti non so’ pe j’asini!
–     Che te tenga ‘ice? Saranno contenti ji fiji mé che c’avranno ‘na casa futuristica come la te’, che te la sci refatta subbitu  tutta moderna.
–      E j’atri che c’abiteano?
–    Quiju sopra pe la disperazzio’ della casa alla fine ce s’è morto, la vecchia s’era morta subitu pure essa  e comunque già non c’abitea chiù, ju fiju deju judice non ci vo’ reji’  nemmanco se la refanno de ferru e gira pe’ le case deji  parenti, quij’atro, ju professore de Roma, ci venea solo alle feste, l’atre case steano vote, o coji studenti. E vote remangono.
–      Cioè chi ci volea veramente rrentra’ non c’è chiù rrentratu.
– Nossignore. E non ci rrentrerà manco pe’ ju futuru.
–      E tu?
–    Eh, e io… ji stengo ecco e aspetto. Vidi? Me metto loco dentro aju bar e me guardo casema.
Giorgina Cantalini (gennaio 2012) – “traduzione” di Anna Pacifica Colasacco
Annunci

1 Response to “Conversazioni divergenti 1”


  1. 1 Lucio Gialloreti (@LucioGialloreti) 27 gennaio 2012 alle 12:49

    Bellissima descrizione della realtà aquilana e dintorni ; declassamento categorie, soliti ricchi che da soli risolvono , anzi ingrandendosi e ampliando appartamenti ed esercizi ! Situazioni da stallo ormai da tre anni quasi! Conoscendo Giorgina , mia nipote, posso capire ancora che intende comunicare! Ottimo il vernacolo !


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 155,259 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: