ex ISEF pronto

Novità anche per il Palazzo del Governo, nuova Prefettura e Palazzo dei 4 cantoni

di Sarah Porfirio, da “il Capoluogo”, 26 ott.

La ricostruzione de L’Aquila in tempi brevi e in sicurezza è possibile.

O almeno questo è il messaggio che giunge dal Provveditorato interregionale per le opere pubbliche per il Lazio, l’Abruzzo e la Sardegna che nel giro di poche settimane ha restituito alla città prima la nuova sede per la Corte d’Appello dell’Aquila e tra pochi giorni terminerà il recupero dell’ex Isef di viale Crispi.

ex_isef_l_aquila2

Il palazzo che fu casa della Giovane italiana prima e sede della facoltà di Scienze motorie poi, accoglierà gli uffici della Struttura per la gestione dell’emergenza, gli uffici del vice Commissario delegato alla ricostruzione Antonio Cicchetti e, probabilmente, la struttura di Luciano Marchetti, vice commissario alla ricostruzione dei beni artistici, secondo la delibera della giunta della Regione Abruzzo del 28 febbraio 2011.

«E’ un chiaro segnale alla popolazione che gli edifici pubblici vogliono ritornare in centro– sottolinea il provveditore Giancarlo Santariga –. E’ nostro compito far capire a tutti che le cose possono tornare non solo come prima ma migliori».

I lavori sono stati chiusi con oltre 2 mesi di anticipo, la consegna dei lavori da contratto era prevista per il 31 dicembre 2011, e con solo 5 mesi di lavoro: turnazioni H24 hanno permesso, così, di procedere a ritmo serrato e, da quando sono iniziati gli interventi, l’8 luglio 2011, si pensa già all’inaugurazione ufficiale per la prima metà di novembre.

Costo totale degli interventi 2 milioni e 700 mila, costo netto per l’impresa un milione e 500 mila, recuperati dai fondi delle opere pubbliche interregionale, per una struttura «probabilmente paragonabile ad una E», come spiega l’ingegnere Fabrizio Menghini, progettista strutturale, ma non inserita nella ormai familiare classificazione del danno degli edifici. Ben oltre il 47% di ribasso in sede d’asta quello applicato dalla ditta che si è aggiudicata i lavori, la D’Adiutorio srl, che è riuscita anche a recuperare il colore originale, attraverso analisi colorimetriche, del complesso edificato egli anni 30 del novecento.

«Non c’è stato un unico problema – spiega l’architetto Marcello Pezzuti, responsabile dell’ufficio Nuove opere e Ristrutturazioni del Servizio tecnico della Giunta regionale d’Abruzzo –, anche dopo un’accurata progettazione, in cantiere abbiamo dovuto fare i conti con danni in un primo momento nascosti, per esempio, dalle decorazioni». Il processo di ricostruzione è stato più delicato anche perché l’immobile è sottoposto a tutela monumentale. I lavori hanno previsto il rafforzamento dei pilastri, delle travi e dei nodi, il recupero delle murature danneggiate, rinforzi con fibre.

ex_isef_l_aquila3

[…..]

Annunci

0 Responses to “ex ISEF pronto”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 154,839 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: