L’Aquila – Cavallerizzo: n.e.w.t.o.w.n.s.

di Claudio Dionesalvi e Silvio Messinetti, da http://www.calabrianotizie.it, sett. 2010

 

In principio fu Cavallerizzo di Cerzeto. Non c’è solo L’Aquila, infatti, nei progetti di new town che la ditta Berlusconi & Bertolaso vuole disseminare su è giù per lo Stivale. Anzi, sotto certi aspetti, la vicenda di questo borgo arbereshe del cosentino è ancor più grave del caso aquilano. Perché di Cavallerizzo ormai nessuno parla più.

Tranne il manifesto e pochi altri, il resto dei media ha steso il velo della censura su una storia che è la più eloquente narrazione del degrado istituzionale e dello sfascio ambientale di un’intera regione.

Una frana disastrosa e spettacolare cinque anni orsono. Che però mantenne intatto il centro storico di Cavallerizzo. E, poi, una gestione disinvolta della ricostruzione. Si è scelta la delocalizzazione in luogo del pieno recupero del vecchio abitato.

Non la rinaturalizzazione, la preservazione e la riqualificazione ambientale delle antiche case ma un nuovo agglomerato urbano da costruire a larga distanza. Una deportazione di un’intera comunità fondata su un allarmismo che trova pochi consensi nella maggior parte dei geologi nazionali.

Gli abitanti di Cavallerizzo, però, non ci stanno, non si rassegnano e nutrono la speranza di vedere rinascere il loro borgo. Come un tempo, sulle stesse pietre e negli stessi luoghi. Sono riuniti nell’associazione “Cavallerizzo vive-Kajverici rron”. Perché la restituzione delle case e dell’anima originale dei luoghi urbani lega indissolubilmente le due proteste. Di chi non accetta di abbandonarli per sempre.

[……]

Puntano il dito verso la procura di Cosenza: «Hanno aperto un’inchiesta, ma non se ne sa più nulla». Sono certi che nella soluzione amara della loro drammatica vicenda pesano gli interessi dei medesimi personaggi visti in campo a L’Aquila, in Sardegna, Toscana e altrove. Lì come qui si lotta contro la shock economy.

Da una parte chi vorrebbe tornare ad abitare il centro storico. Dall’altra il progetto di New Town che dovrebbe essere consegnata entro il 2011. In mezzo 70 milioni di euro spesi per affrontare l’emergenza.

Piangono gli arbereshe di Cavallerizzo, uno dei 26 centri abitati dalle comunità che nel basso medioevo immigrarono in provincia di Cosenza. Seicento anni fa furono le armate ottomane a scacciare gli albanesi dalle loro case. Oggi è la Protezione Civile a sbarrare la porta d’ingresso ai discendenti di quel popolo in fuga.

«Scusi, posso andare un attimo a casa mia? Voglio recuperare un ombrellone. Se mi lascia entrare, lo piantiamo qui e potrà ripararsi anche lei. Non sente questo caldo?». La signora Chiara chiede il permesso con materna dolcezza. Secca e meccanica la replica del carabiniere: «Non è possibile, signora. Abbiamo ordini precisi».

La prefettura di Cosenza è stata categorica: la gente non deve oltrepassare il cancello. Che nel frattempo s’è trasformato in bacheca parlante. Quelli dell’associazione “Kajverici Rron” (Cavallerizzo Vive) lo hanno ricoperto di documenti. [….]

Antonio Madotto, segretario dell’associazione: «La costruzione di un nuovo paese ci è stata imposta. Non ci hanno dato scelta. L’antico abitato di Cavallerizzo, in realtà, non è mai scivolato interamente a valle, altrimenti sarebbe finito proprio sull’area dove tuttora è in fase di costruzione l’orrenda “new town”.

È un progetto che annienta il nostro modo di vivere. Mancano una strada di collegamento e diversi altri servizi, non c’è una Chiesa e neanche una scuola. È un quartiere popolare dormitorio di cui la Protezione Civile Nazionale si vanta, fingendo di non sapere che rappresenta la fine della nostra identità».

[…..]

L’inverno scorso, mentre l’intera Calabria smottava, l’antica Cavallerizzo non s’è mossa d’un millimetro. Lo certifica pure la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio della Calabria: nel luglio 2009 ha vietato qualsiasi opera di demolizione, sollecitando un restauro del vecchio centro abitato.

[…]  Tutti ascoltano con ammirazione la storia di Donna Liliana e dei suoi familiari: un anno fa, incuranti dei divieti, sono tornati a vivere nella vecchia casa.

Le autorità hanno tagliato acqua e luce? «Che me ne importa? – spiega la signora – Ho comprato un generatore ed abbiamo incanalato una sorgente. ….. Voglio vedere se ha il coraggio di venirmi a sgomberare».

Claudio Dionesalvi e Silvio Messinetti, settembre 2010

Annunci

0 Responses to “L’Aquila – Cavallerizzo: n.e.w.t.o.w.n.s.”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 154,199 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: