non stravolgiamo la storia

lettera aperta di Amedeo Esposito (giornalista)  a Antonio Del Corvo (presidente della Provincia dell’Aquila)

E’ vero! Sig. Presidente, L’Aquila futura non sarà come prima. Ma stravolgere di essa la storia e l’anima, con i ripetuti annunci lanciati dall’ente provincia, è certamente un “delitto” contro tutti i cittadini, nessuno escluso. Nel caso poi dell’idea espressa sulla certa ricostruzione del “palazzo del governo”, che non sarà più prefettura, ma destinato a biblioteca provinciale e museo della memoria, si supera ogni limite, cadendo nella distruzione dell’ “anima aquilana” che così subirà un abbattimento più violento e cieco di quello dovuto al sisma del 6 aprile 2009.
Dunque, il “palazzo del governo” o della prefettura di piazza della Repubblica (visto nel desolante crollo dai grandi della terra del G8, a partire da Obama), nato con l’Unità d’Italia 150 anni fa ed oltre (entro il vasto e grandioso ex monastero agostiniano), sarà riedificato secondo la bozza di decreto per la ricostruzione del centro storico presentata qualche giorno fa dal presidente Gianni Chiodi. In esso, però, non torneranno i prefetti, e cioè coloro che fecero sempre un prezioso “coordinamento” delle linee politiche- amministrative. “Mestiere” particolarmente delicato, del quale non potrà farsi a meno in vista di un’Italia con autonomie più forti. A questo punto ci vien da dire che “chi non ha storia è schiavo delle mode”. Ma non basta, perché l’idea del presidente del Corvo supera anche la “schiavitù della moda”, poiché ignora che quel palazzo-convento fu e rimane centro dell’alta politica regionale, sia che si pensi all’ Ottocento o al Novecento: compreso il ventennio fascista e ancor più al lungo percorso democristiano e fino a noi. Suggeriamo di leggere il libro ”L’ultima provincia” edito da Sellerio, per acquisire il senso storico-umano-amministrativo di quell’ edificio, nel racconto della figliuola del 32° Prefetto, l’eccellenza (come usava allora) Cortese.
Entro quell’edificio – ma ciò è ignorato dal presidente Del Corvo – fu realizzato (con i soldi dei contribuenti, ovviamente) l’appartamento reale (in vari stili, compreso quello napoleonico) dove furono ospitati i re e le regine dei Savoia, compreso Vittorio Emanuele III che dal balcone centrale (sorretto dalle due alte colonne, su cui poggiava la trabeazione con la scritta: “palazzo del governo”), alla fine del 1942, si affacciò per presentarsi per l’ultima volta agli italiani, prima della sua ignominiosa fuga a Brindisi, nel settembre 1943. E dopo la seconda guerra mondiale vi soggiornarono i presidenti repubblicani, a cominciare da Errico De Nicola.
Per questa regalità – e perché l’appartamento era nella disponibilità dei prefetti in carica – divenne la prefettura più ambita dell’Italia centrale. Si ignora, forse volutamente, che l’ente provincia (come sono oggi indicate le province) ebbe principio entro il salone delle feste dello stesso edificio, poi abbellito e reso unico nella regione dalle due opere di Teofilo Patini: “bestie da soma” e “ pulsazioni e battiti” . In esso s’ebbero le grandi scelte economiche e sociali per l’intera provincia, attuate dai presidenti repubblicani, a cominciare dal marsicano Pietrangeli, uomo di cultura che diede inizio alla fase democratica della Provincia dell’Aquila.
Nessuno nega che una parte minima della città settecentesca abbattuta dal terremoto dell’anno scorso non possa risorgere com’era e dov’era. Non è però il caso del “palazzo del governo”che risorgerà – parola del commissario Chiodi – là dov’ era e forse anche com’era. E se così sarà (per chi non dubita delle promesse di Chiodi) non si vede perché il Presidente del Corvo voglia così gravemente “mortificare” la città che attende di tornare, fra l’altro, nella Biblioteca “Salvatore Tommasi” , dov’era e com’era, istituita – fors’ Egli non lo sa – oltre 160 anni fa.

Annunci

0 Responses to “non stravolgiamo la storia”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 153,183 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: