… messaggio da una città senza gente..

A. P. è un uomo che conosce bene L’Aquila e che vi si reca periodicamente. Scrive questo messaggio di ritorno da uno dei suoi ultimi viaggi.

(Tramite Massimo Giuliani da Facebook)

Cara Benedetta e cari Tutti,
che dire… se non confermare col groppo alla gola.
Sono ripartito da L’Aquila alle 15 di oggi, ci tornerò lunedì e risarò aquilano per quasi tutta la settimana.

Groppo alla gola, dicevo. Lo stesso groppo di questa mattina mentre col mio elmetto calzato e gli scarponi antinfortunistici mi aggiravo per la zona rossa: avete mai provato ad attraversare una città senza gente? Una città che porta solo il rumore dei passi vostri e dei pochi avventori che, come voi, s’aggirano come fantasmi in una città fantasma? (non riesco ad abituarmi alla morte di questa splendida città, alla morte delle genti aquilane, io che aquilano non sono, che aquilano sono diventato).

A L’Aquila ho imparato a piangermi dentro, contaminato, forse, dagli aquilani: che non urlano, non piangono e se lo fanno, lo fanno in silenzio. Piangendosi dentro, appunto.

Consapevoli che la “cosa” non interessa più a nessuno fuori da L’Aquila.
Non al Governo: sapete che Berlusconi non si reca più a L’Aquila dal 29 gennaio?

Sapete che tra cinque giorni saranno 15 mesi dalle 3,32 del 6 aprile 2009?

Sapete che la zona rossa (ben più grande del centro storico) è ancora transennata e vigilata dall’esercito (non vi si può accedere) e le macerie sono li come quella notte caddero e anche nei mesi successivi a causa delle scosse che si susseguirono e furono anche di 4,5 gradi?

Sapete che oltre quelle costosissime case realizzate a prezzi di costo più alti dei costi di costruzione milanesi non v’è progetto? Non v’è programma? Non v’è speranza? Non v’è futuro?

Sapete cosa vuol dire essere aquilano oggi?
Sapete, anche, cosa vuole dire essere aquilano madre o padre di bambini dell’età dei vostri bambini?

Non al Governo dicevo.

Non all’opposizione!

Sapete che a L’Aquila gli psicofarmaci (tra i medicinali) hanno subito una impennata paurosa delle vendite?

Sapete del crescente alcolismo degli adolescenti e dei giovani?
Sapete che i giovani e i vecchi e le donne e gli uomini mi fermano per strada e mi dicono: architetto ci aiuti a realizzare dei punti di aggregazione che non siano i centri commerciali (unici luoghi periurbani rimasti in piedi, dove si vive una vita finta), ci aiuti a far rivivere la nostra città.

Sapete quanto disperanti siano queste richieste di aiuto?

Sapete cosa vuol dire ritornare alla vita normale, milanese o romana, e cogliere il fastidio di chi vi ascolta perché raccontate una realtà dissimile da quella che è stata veicolata da media?

Sapete che davanti a tragedie di questa portata una città, un popolo, da soli non possono farcela?

Milano non ce la farebbe e Roma, ed Aosta o Palermo o Torino non ce la farebbero.
So che voi lo sapete!

E mi scuso per questo sfogo notturno generato dalle parole di quella donna aquilana che ha raccontato verità e dolore.

Già in un altra mia notte insonne vi ho mandato, in passato, le seguenti strofe di Martin Niemoller:

Prima vennero a prendere gli zingari,
Io restai in silenzio.
Rubacchiavano.

Quando vennero a prendere gli ebrei
Io restai in silenzio.
Mi stavano antipatici.

Quando vennero a prendere gli omosessuali
Io restai in silenzio.
Mi erano fastidiosi.

Quando vennero a prendere i comunisti
Io restai in silenzio.
Non ero comunista.

Quando vennero per me,
Non era più rimasto nessuno che potesse far sentire la mia voce.

Non dimentichiamo L’Aquila e gli aquilani, nonostante la cattiva e pessima informazione. Facciamolo per loro. Ma facciamolo anche per noi, Affinchè se un giorno ci toccasse di vivere una tragedia analoga si possa avere la speranza che, da qualche parte, possa essere rimasto qualcuno pronto a far sentire la nostra voce.

Buona notte o buongiorno

A. P.

Annunci

3 Responses to “… messaggio da una città senza gente..”


  1. 1 maria Quadrini 22 luglio 2010 alle 19:16

    Rabbia e dolore è il sentimento che provo di fronte a tutto questo come aquilana acquisita nella vostra città ho riiniziato il mio percorso formativo x un master di coordinamento infermieristico e fra milledifficoltà abbiamo trascorso un anno fantastico spero a settembre di poter ricominciare perchè è importante esserci e far sentire anche la nostra voce insieme alla vostra e che sia un unico grido.

  2. 2 tiziana 23 luglio 2010 alle 02:10

    non ci credo!mi rifiuto di credere che siamo così menefreghisti! non è vero, non può, non DEVE essere vero che alla gente non interessa, che dà “fastidio” sentirsi raccontare una realtà dissimile da quella che è stata veicolata da media,
    anzi credo che siano in molti (come me) ad essere stufi di notizie da campagna elettorale! io abito in veneto e ho frugato su internet per trovare persone per conoscere la situazione senza dovermi affidare ai media nazionali che mi sto convincendo riportino certe notizie per “insabbiarne ” altre!
    non mi reputo “fuori dal coro” non sono una tipa strana, sono una persona, forse è ai personaggi che interessa la vostra città come passerella…. le persone sono altro!
    capisco lo sfogo: immagino lo sconforto di camminare SOPRA la propria città, bardati e controllati come se foste in guerra;
    non so cosa vuol dire errese aquilano oggi, per fortuna sono troppo giovane per ricordare il vicino terremoto del friuli, ma credimi c’è molta gente che vi pensa, che vi è vicina anche se non si fa viva.
    spero che sia chiaro che faccio il tifo per voi, anzi per tutti noi, perchè L’aquila non è “laggiù”, ma è anche nei pensieri di molti che vivono a centinaia di km, che non l’hanno mai visitata, ma che la amano e la portano nel cuore insieme a tutti i suoi abitanti.
    confido un giorno non molto lontano, di visitare l’aquila, di passeggiare per il centro con mie figlie in mezzo a una folla di gente e incontrare gli aquilani che sorridono orgogliosi.
    FORZA, non mollare.


  1. 1 31 luglio 2010: L’Aquila non è solo dell’Aquila « Tarantula Trackback su 30 luglio 2010 alle 23:06

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 154,168 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: