complimenti

di Fabrizia Petrei , 18 giugno
inviato a tg1@rai.it; tg2@rai.it

Gentili Redazioni,

lo scorso 16 giugno 2010 nella città dell’Aquila oltre 20.000 cittadini uniti a tutte le Istituzioni del territorio (Comuni, Provincia, Regione), ai rappresentanti sindacali, alle associazioni di categoria, ai comitati cittadini, ai rappresentanti della Chiesa, ecc. hanno dato vita a una delle manifestazioni più vive, partecipate e civili che la mia memoria ricordi.
I manifestanti, per far sentire la propria voce, dopo aver attraversato l’intera città, hanno sorpassato i caselli autostradali bloccando per oltre un’ora l’autostrada A24 in direzione Roma.
Nonostante questo, i cittadini dell’Aquila e i loro rappresentanti istituzionali sono stati ignorati dalle vostre testate giornalistiche che, nelle edizioni serali, hanno preferito dare ampio spazio ad argomenti quali l’infortunio di Buffon, i rischi legati alla Nutella, la moda maschile dell’estate, ecc.
Siamo perfettamente a conoscenza delle leggi, dei codici e delle autoregolamentazioni che il servizio pubblico radiotelevisivo, del quale contribuiamo a sostenere le spese attraverso il canone, ha il dovere di mettere in pratica, a partire dai principi Costituzionali per arrivare al Codice etico approvato all’unanimità dal Consiglio d’amministrazione nel 2003 e vincolante per tutti i dipendenti Rai: pluralismo nell’informazione e nella programmazione, trattazione di fatti salienti e di interesse pubblico e sociale, al fine di contribuire allo sviluppo sociale e culturale del Paese. Tutto ciò accanto al diritto di informazione, inteso nella sua triplice veste di informare, informarsi e, soprattutto, di essere informati.
Tutti i cittadini italiani hanno appunto il diritto di essere informati dello stato in cui versa il capoluogo di una Regione e il suo territorio, una città colpita tanto duramente da una catastrofe naturale senza precedenti da essere – a oltre 14 mesi dal sisma – praticamente al collasso da un punto di vista economico e sociale e ancora ferma nelle attività di ricostruzione. Una città che chiede quindi risorse e risposte certe per il proprio presente e il proprio futuro. Nonostante ciò, le maggiori testate giornalistiche del servizio pubblico radiotelevisivo continuano a ignorare quanto avviene in città e le sue grida di allarme, preferendo alla semplice descrizione dei fatti una rappresentazione spesso parziale o distorta del reale o semplicemente il silenzio.
Da cittadina aquilana e italiana chiedo quindi a gran voce il perchè di una simile scelta di selezione/rappresentazione delle notizie e il rispetto del compito che vi siete dati e del vostro ruolo di giornalisti, chiamati a concorrere alla costruzione di un’opinione pubblica informata, critica e costruttiva.
Ringrazio dell’attenzione e auguro un buon lavoro, nella speranza che sia migliore di quello fatto finora.
Fabrizia Petrei

Annunci

0 Responses to “complimenti”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 153,183 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: