a proposito dell'”indignazione aquilana”

di Walter Cavalieri, 1 giugno

….…Cara Luisa,

l’indignazione è un sentimento propeduetico, è come a livello organico l’appetito che prepara la fame.

La nostra indignazione, mal rappresentata o persino ignorata dai nostri politici, sta lentamente facendo montare una RABBIA profonda che verrà alimentata dal tempo che passa.

E’ vero, la nostra comunità è storicamente divisa (L’Aquila dei Camponeschi e Gaglioffi…), è la Aquilanitas dell’indolenza e dell’ironia cialtrona (“chi te llo fa fà…”), ma ogni tanto questa comunità s’INCAZZA alla grande!

Potrei fare tanti esempi di fiammate inaspettate scaturite nei secoli da questa popolazione apparentemente supina. Allora dico: signori politici, state attenti agli Aquilani! Abbiate rispetto di questa gente, perchè potrebbe bussare coi bastoni ai vostri Palazzi e darvi la sveglia! E sappiate che se ci saranno i nostri giovani disperati e senza futuro, con loro ci saremo anche noi che li abbiamo educati al diritto alla ribellione!

Annunci

1 Response to “a proposito dell'”indignazione aquilana””


  1. 1 Walter Cavalieri 2 giugno 2010 alle 18:31

    Ai signori che ci amministrano e che lasceranno che a luglio gli Aquilani tornino a pagare le tasse in corso e pregresse, senza aver sentito il dovere almeno di incatenarsi davanti a Palazzo Chigi, vorrei solo ricordare: 1) che le più importanti rivoluzioni della storia moderna (Inglese, Americana, Francese) sono scoppiate per motivi prettamente fiscali; 2)che non a caso Berlusconi insiste nello slogan del “non mettere le mani nelle tasche degli italiani” (quanta sagacia politica rispetto all’ingenuità di Padoa Schioppa!…), salvo depredarli in altri modi; 3)che la popolazione aquilana è composta in gran parte di lavoratori dipendenti, esclusi dal prolungamento dei benefici fiscali; 4) che se lor signori non faranno pressione sul governo in tempo utile, saranno corresponsabili di una grave violazione dell’art. 3 della Costituzione, che riconosce l’uguaglianza dei cittadini (p.e. umbri e abruzzesi..). E allora, che cavolo aspettate?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 156,039 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: