le pietre preziose

di Adriano Di Barba, 3 maggio 2010

Campanile e cattedrale di Venzone (UD), ricostruiti dopo il terremoto del 1976, mediante il sistema della “anastilosi”.

Tutte le pietre vennero segregate in appositi recinti protetti, dopo una accurata pulitura e numerazione;

la ricostruzione degli elementi fu eseguita “fuori opera”, sulla scorta dgli originari “piani di montaggio”, rinvenuti nella stessa cattedrale, durante le operazioni di bonifica e di messa in sicurezza.


Venzone UD, luglio 2009: elementi lapidei che ancora non hanno trovato l’adeguata ricollocazione, vengono custoditi nell’ambito del monumento ricostruito.


Venzone UD, luglio 2009 Abitazioni private ricostruite,


con l’inserimento degli elementi lapidei originari, immediatamente recuperati, numerati, catalogati e segregati nell’ambito di ciascun cantiere.


L’Aquila, Patrimonio dell’Umanità, 2 maggio 2010:


Chiesa e  Piazza San Domenico: la chiesa sorge dove un tempo sorgeva il Palazzo Reale; fu re, Carlo II d’Angiò, a donarlo ai frati domenicani ed a pratocinare la realizzazione della chiesa chiamando dalla Provenza maestranze francesi per l’occasione, come testimonia l’originale facciata laterale e relativo portale. Nel 1703, un violentissimo terremoto fece crollare il tetto della chiesa distruggendo l’interno e uccidendo seicento fedeli; successivamente l’interno venne ricostruita in stile settecentesco.

Ospita uno dei più importanti Organi del Centro Sud. Caratterizzata dalla presenza di Tre navate, è a ridosso di due conventi importantissimi, è vicino al Palazzo Vastarini Cresi, importante punto storico a livello Nazionale, adiacente alla Piazza e Chiesa di San Pietro a Coppito, importantissima perchè al suo interno è conservato un dipinto che ritare Celestino V, a memoria del suo primo passaggio in città attraverso Via Roma.

Tutta la zona è caratterizzata da cunicoli risalenti al 1200.

(nota storica di S.Cencioni)

Annunci

0 Responses to “le pietre preziose”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 153,274 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: