via delle bone novelle

a proposito di macerie, pietre “migranti” e rifiuti speciali.

(Adriano Di Barba, 19 marzo)

Osservate le foto: sono tratte dalla “rete” (trattandosi di Zona Rossa), e inquadrano, dallo stesso punto di presa, l’incrocio tra via delle Bone Novelle e via di Vigliano.

La foto in alto è probabilmente scattata poche ore dopo il terremoto: le macerie del muro di sostegno del giardino invadono l’intera strada e hanno completamente sepolto un’automobile in sosta.

La foto in basso risale probabilmenete a qualche settimana dopo: la strada è stata parzialmente sgomberata per consentire il transito dei mezzi di servizio.

Domande: dove sono finite le pietre e la terra mancante?

Dov’è finita la carcassa dell’automobile (per tirarla fuori è stato necessario spostare i cavi telefonici ed elettrici caduti) ?

Moltiplicate questa situazione per centinaia, migliaia di volte, aggiungete che in molti altri casi, le pietre cadute non erano solamente quelle di un muro di sostegno, ma  materiali e pietre lavorate appartenenti a case, palazzi, chiese….

Dov’è finita tutta questa roba?

ADB

Annunci

1 Response to “via delle bone novelle”


  1. 1 Massimo 22 marzo 2010 alle 17:38

    ……questa mattina mi sono infilato con la macchina da Via XX Settembre verso Via delle Bone Novelle ….le macerie sono tutte accatastate con la monezza allo slargo in fondo alla via dove incrocia con Via Rocca di Corno…che tristezza


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 153,787 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: