le nostre spoglie

di Giusi Pittari

Rinascere dalle macerie.

C’è un qualcosa di simbolico in quello che avverrà domani a L’Aquila.
Ora, finalmente, tutta l’Italia sa che siamo pieni di macerie e che la loro rimozione è il punto iniziale per la ricostruzione del centro storico.
La nostra anima è lì.
Così domani prenderemo un po’ di macerie, selezionandole. E ce le passeremo di mano in mano, attraverso una grande catena umana di solidarietà.
Guarderemo con i nostri occhi il terriccio che rimane dopo la selezione delle nostre pietre. La nostra storia ci passerà accanto, la vedremo, la toccheremo ce la passeremo di mano in mano, sapendo che i capitelli, i coppi, le bifore, gli archi, saranno ancora lì , nella nostra amata città, in attesa di essere rimessi a posto.
Concretamente, tutti verranno a contatto con questa cruda realtà, dalla quale dobbiamo risorgere e ricostruirci.
Capiremo tutti che le macerie sono nostre. Che custodiscono la storia, il nostro dolore e quello di nostri antenati.
Le macerie sono nostre. Dobbiamo pretendere che rimangano qui, nella nostra provincia. Quelle dell’Aquila e quelle nei nostri preziosi borghi. Sono una ricchezza, perché sono di tutti noi.
Una nuova L’Aquila si ricostruirà sulla vecchia, riusando tutto quello che si può. Compresi i mattoni, i solai, i tramezzi che, tritati, potranno rifare le nostre strade, curare le nostre cave, far parte di un impasto che andrà ovunque.
La rimozione della macerie non si fa con una norma ad hoc, si fa tutti insieme con il preciso obiettivo di farle rimanere accanto a noi. E’ possibile e anche economicamente conveniente.
Ci sono persone che per anni hanno desiderato riavere accanto le spoglie dei propri defunti. E noi questo dobbiamo pretendere.
Dobbiamo custodire le nostre macerie qui, usando, per la selezione in loco, i professionisti che abbiamo, inviando il resto ad aziende che possano differenziarle per poter, infine, riutilizzare gli inerti per la nostra ricostruzione e , qualora le strutture esistenti dovessero risultare insufficienti, crearne delle nuove, con nuovi posti di lavoro,
La nostra comunità ha bisogno delle macerie. Da lì risorgeremo.

Giusi Pitari

Annunci

0 Responses to “le nostre spoglie”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 153,799 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: