una città, 99 ricordi

L’Aquila di Maria Laura Menghini

L’ Aquila è una città che tutto assorbe, che tutto accoglie e che ti ammalia nella sua bellezza e nel suo essere insieme natura selvatica (bada bene, non selvaggia) e arte e storia e preistoria. Io mi sento, e quindi sono, anche Aquilana.

L’ Aquila è il luogo che abbiamo voluto dare a nostra figlia per tutto quello che c’è di etico, semplice, solido e duraturo nella vita di un essere umano. E, manco a dirsi, il mammouth  del castello, che mammouth non è bensì elefante, la Costa Masciarelli in cui ci siamo quasi scapicollati, le Tre Marie in cui abbiamo mangiato e bevuto a crepapelle. E la nostra trattoria preferita, Scannapapere, dove la nostra figlioletta si è rimpinzata di castrato, che ancora “si ricorda”.

Vagheggiavo per mio nipote Leonardo, 5 anni ad aprile, una gita a l’Aquila, da sempre. Gli avrei fatto scoprire mille cose. Non solo   L’Aquila.  Celano,  Bominaco, Alba Fucens,  Sulmona, Scanno, Pescocostanzo. La terra d’Abruzzo forte e gentile.

Poi il 6 Aprile, dolore insostenibile, perdita di un pezzo di noi; rivoglio il mio castello, rivoglio le mie cupole, le mie piazze.

Devo portare Leonardo a L’Aquila, devo.

Poi il 7 Aprile: penso, certamente il mondo che si definisce civilizzato capirà cosa stiamo perdendo. Caspita!, ha finanziato Evora, in Portogallo, speruto paese del mondo. Per L’Aquila non ci sarà certamente problema. Poi apprendo, dopo dieci mesi,   da un sindaco stremato e, posso dire?, visibilmente inadeguato e supplice, che L’Aquila non so in che astrusa sottocategoria sta, per cui l’Europa, la solita “EUROPA”, non solo non può stanziare più di 400 milioni di euro ( una cifra insignificante in confronto a Evora, che forse conosco solo io), ma che anche ha posto “lacci e lacciuoli” per la rimozione delle macerie.  Sono “smorzo” (trd: calcinacci)? Sono inerti? Sono rifiuti urbani? Sono il “cavolo” che ti si frega!

IO domenica vado co’ la cofana e ‘ ste  macerie me le carico in un secchio e le porto a via dell’anima, adiacenze dell’Hotel Raphael dove alloggiava Craxi. Via dell’anima de li m…..cci vostri!

Ed è solo l’inizio.

Annunci

1 Response to “una città, 99 ricordi”


  1. 1 daniela 25 febbraio 2010 alle 01:54

    cara Maria Laura, ho apprezzato molto il tuo dire..la lontananza mi ha sempre fatto desiderare di rivederla almeno una volta l’anno la nostra L’Aquila, ma ora che è così maltrattata da chi non sa quanto l’amiamo,da lontano mi sento impotente e pur se il desiderio di vederla è grande, mi sento straziare il cuore sapendo come è rimasta dal 6 aprile, ci sto male e non posso fare come voi, che uniti vi fate sentire..sarò con voi con il pensiero grazie..


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 155,237 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: