L’Aquila non diventerà la Pompei del terzo millennio

di Achille Giuliani, su Abruzzo cultura, 10 gennaio 2010

via Roma, terremoto a L'Aquila

Sono andato via dalla mia città perché da ragazzo mi andava stretta, perché mi soffocava quella borghesia piccola piccola che fa morire i sogni e le idee, perché volevo conoscere quello che c’era oltre la cima delle montagne, perché volevo essere libero di decidere ma fuori dagli schemi.

Sono passati molti anni … troppi. Ho visto, ho conosciuto, ho vissuto … e ho deciso di tornare, per sempre. Non so quando ma lo farò. E lo farò perché devo farlo, perché mi sento in debito con la mia città e con la mia gente, perché ho nostalgia di loro. Perché ho nostalgia del casino sotto i portici, dei vicoletti che ti fanno da scorciatoia quando hai fretta, del profumo della pizza a tutte le ore del giorno, del caffè pomeridiano nei bar del centro, delle luci gialle che avvolgono il riposo di piazza Duomo, delle lunghe chiacchierate notturne che ti fanno battere i piedi a terra per il freddo.

Ora tutto questo non esiste più, vive solo nel ricordo ma non è un ricordo sbiadito perché dentro di me vive come la più sfrenata delle passioni, carnale e irresistibile. Tornare a vivere in questa città significa essere pazzo? E chi se ne frega! Rispetto i pazzi perché dicono quello che pensano e ho sempre creduto che i pazzi potevano essere tutti gli altri, quelli che non la pensano come me, quelli che non amano le strade in salita e con le curve … ma io sono aquilano e le strade di montagna non mi spaventano, fanno parte della mia natura.

Non mi sento un romantico idealista o un cane randagio bramoso di frugare nella spazzatura della città abbandonata. Mi sento un aquilano che vuole riprendersi la sua città, perché L’Aquila è stata fondata dagli Aquilani quando regnava l’immobilismo del papa e dei re, perché mi viene rabbia quando la mia gente – che oggi ha imparato anche ad aspettare troppo – grida “Ridateci le ali che torneremo a volare”, perché mi fa male quando leggo che L’Aquila diventerà la Pompei del terzo millennio e mi fa male perché non l’accetto come una verità, questa è una mezza verità o peggio è una verità distorta.

Pompei è una città morta, pietrificata. Le sue case sono pietrificate, i suoi animali sono pietrificati, i suoi uomini, le sue donne, i suoi vecchi e i suoi bambini sono pietrificati, i suoi oggetti sono pietrificati invece all’Aquila di pietrificato c’è solo il cuore di chi non ha mai avuto una coscienza (né prima né dopo il 6 aprile) e ogni volta che tra le macerie della mia città incontrerò una mamma con il pancione che sorride alla vita, una coppietta di adolescenti che si giura l’amore eterno con un bacio appassionato o una donna forte che asciuga le lacrime del suo uomo nessuno potrà convincermi del contrario: L’Aquila non diventerà mai una Pompei, neanche in questo millennio, almeno per i pazzi come me.

Annunci

1 Response to “L’Aquila non diventerà la Pompei del terzo millennio”


  1. 1 daniela 11 gennaio 2010 alle 12:18

    molto bella la tua lettera, vorrei dire che anch’io tornerò, ma la mia famiglia ora è qui ed è difficile dirlo,nella vita però non si può mai dire..sarebbe il mio sogno nascosto..ma con le ali della fantasia io tornerò spesso lì dove sono nata, nel quartiere Banca D’Italia che mi ha visto nascere!!!!ciao L’Aquila mia ti voglio bene anche così ferita…sei sempre bella!!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




foto Yar Man, nov 2012

L’Aquila in diretta

webcam da www.MeteoAQuilano.it
da www.caputfrigoris.it

il sismografo di Massimo

che sia sempre "piatto" e giallo ! immagine "on-line" da http://www.laquilaemotion.it/sismografo/laquilaemotion/sismotion.html

Archivio post

Massimo Giuliani: “Il primo terremoto di Internet” (libro o e-book)



:: Acquista il libro di carta su Amazon
:: Acquista l'ebook su Amazon
:: Se non hai Kindle, nessun problema: clicca qui per sapere come leggere l'ebook.

Blog Stats

  • 155,237 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: